Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cure per il diabete in gravidanza, riconoscimento all'ospedale di Perugia

Cure per il diabete in gravidanza, riconoscimento all'ospedale di Perugia
2 Minuti di Lettura
Martedì 3 Dicembre 2019, 18:07
PERUGIA - Il gruppo di medici dell’ Azienda ospedaliera di Perugia, che si occupa di diabete in gravidanza,  ha visto riconosciuto  un  lavoro di ricerca  presentato all’ultimo congresso nazionale di Amd (Associazione medici diabetologi), appena concluso a Padova. Il riconoscimento riguarda i risultati di attività su oltre 600 donne con diabete gestazionale seguite dalla diagnosi  fino al parto dal Servizio di diabete in gravidanza, di cui è responsabile  Elisabetta Torlone. L’attività di diabetologia in gravidanza è  inserita da più di 20 anni nella struttura complessa di Endocrinologia e malattie metaboliche. Il  lavoro svolto dal team, con approccio individualizzato della terapia medica e nutrizionale, ha permesso di ottenere una buona  stabilizzazione dei parametri metabolici materni  e neonatali , con una medicalizzazione post parto  simile a quella ottenuta nelle gravidanze fisiologiche.
La commissione giudicatrice  dei  150 lavori presentati, come riferisce una nota dell’ospedale, ne ha scelti tre, e tra le motivazioni individuate per il gruppo perugino vi è  quella dell’elevato numero di pazienti seguite con un protocollo ben definito da un unico centro per tutto il percorso della gravidanza complicata da diabete. Tale elemento, assieme ai risultati, si distingue  dai lavori  già pubblicati nella   letteratura internazionale. Relatrice al convegno di Padova,  Sara Parrrettini, medico nutrizionista che ha operato nel team composto da Antonella Caroli, Ludovica Ranucci, Vittorio Bini e  coordinato da Elisabetta Torlone. «Nella casistica oggetto dello studio- dice Torlone- abbiamo seguito anche un gruppo di donne a più alto rischio, con obesità patologica, ottenendo anche in questi casi risultati soddisfacenti». 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA