Al via il corso gratuito per operare
nelle filiere agroalimentari umbre:
previsto anche uno stage retribuito

Al via il corso gratuito per operare nelle filiere agroalimentari umbre: previsto anche uno stage retribuito
di Michele Bellucci
3 Minuti di Lettura
Martedì 12 Ottobre 2021, 17:15

PERUGIA - C’è tempo fino a venerdì 15 ottobre per candidarsi al corso di Tecnico della sostenibilità e della qualità nelle filiere agroalimentari che partirà il prossimo novembre all’Istituto agrario “Ciuffelli-Einaudi” di Todi. Un percorso formativo destinato a 15 allievi (diplomati, disoccupati o inoccupati, iscritti ai Centri per l’impiego della Regione Umbria) che permetterà di acquisire competenze in alcuni degli ambiti più attuali del momento come cooperazione, tracciabilità, web marketing, innovazione e internazionalizzazione. Il corso è stato presentato lunedì 11 ottobre a Perugia, nella sala Emilio Sereni della sede CIA-Agricoltori Italiani dell’Umbria, alla presenza dell’assessore regionale all’agricoltura Roberto Morroni: «Sostenibilità e qualità sono le parole chiave attorno alle quali si sviluppano buona parte delle opportunità di sviluppo di questo settore - ha spiegato - e come Regione dell’Umbria stiamo lavorando in questa direzione. Bisogna comprendere che la sostenibilità è un’esigenza imposta dai Re del mercato, che sono i consumatori. I prodotti che non risponderanno a determinati requisiti di sostenibilità ambientale e a certi standard di elevata qualità, nei prossimi due anni saranno fuori mercato. Il passaggio epocale richiede un cambiamento culturale profondo e nuove competenze che possono arrivare anche da iniziative formative come questa, che rappresentano un’opportunità per i processi evolutivi che ci attendono».

Nelle 350 ore di studio i partecipanti riceveranno una formazione gratuita teorico/pratica mentre grazie al tirocinio curricolare di 4 mesi in azienda, con indennità mensile di 600 Euro, entreranno subito in contatto con quello che sarà il loro futuro professionale. Un lavoro, quello nel settore delle produzioni agroalimentari, che dovrà portare allo sviluppo di imprese sempre più sostenibili e focalizzate sul valore del cibo prodotto, come del resto la Comunità Europea chiede. Il Tecnico per la sostenibilità e la qualità nelle filiere agroalimentari, partendo da una adeguata conoscenza delle principali filiere presenti in Umbria, supporterà le imprese nell’elaborazione e nella gestione di progetti collegati ai “Distretti del Cibo”, oltre che nella realizzazione di progetti innovativi e di cooperazione che valorizzino non solo i prodotti ma anche il loro legame con il territorio, la loro tipicità e la loro qualità. Dovrà inoltre essere in grado di gestire l’intero processo di commercializzazione dei prodotti agricoli ed agro-alimentari del “Made in Italy” e del “Made in Umbria”, nonché di gestire le attività connesse alla promozione dei prodotti di filiera e del territorio.

Olio, vino, cereali, prodotti ortofrutticoli, miele, legumi e tutti quei prodotti agroalimentari che rendono l’Umbria un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale saranno al centro dell'attenzione. Durante il percorso di studi si andrà da approfondimenti sul packaging fino alla salute e sicurezza sul luogo di lavoro, passando per marketing strategico e operativo specifico per il settore fino al Social media marketing. Il corso è realizzato da tre partner di grande esperienza come l’agenzia di formazione, marketing e comunicazione Tatics Group di Perugia, l’Istituto agrario “Ciuffelli-Einaudi” di Todi e Chronica NewConsulting, la nuova società di servizi di CIA Umbria. È possibile reperire la modulistica per richiedere l’accesso al percorso formativo sui siti web isistodi.edu.it, ciaumbria.it e tatics.it. La graduatoria finale dovrà tenere conto di alcune riserve: 7 posti riservati a donne, 2 a cittadini stranieri e un posto riservato a persone affette da disabilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA