Congresso Pd, Bonaccini parte avanti nel voto degli iscritti. L'appello degli under 35

Una manifestazione del Pd
3 Minuti di Lettura
Domenica 5 Febbraio 2023, 09:34 - Ultimo aggiornamento: 28 Marzo, 15:10

PERUGIA Parte avanti Bonaccini anche in Umbria. Procede il congresso del Pd, in provincia di Terni i circoli hanno già aperto le porte per il voto degli iscritti: il governatore emiliano sarebbe sopra quota 50% nell’orvietano, il primo comprensorio ad avviare gli scrutini. L’area del Perugino inizierà a muoversi da martedì.
Molte delle forze in campo sono a sostegno del governatore emiliano, a cominciare dal gruppo in consiglio regionale: dalla capogruppo Simona Meloni al segretario regionale Tommaso Bori, insieme al portavoce dell’opposizione Fabio Paparelli e al vicepresidente dell’Aula Michele Bettarelli. C’é anche la deputata Anna Ascani. A Perugia: Sauro Cristofani, Erika Borghesi, Marko Hromis, Elena Ranfa, Vincenzo Scorza, Aurora Caporali, Alessandra Quagliarini, Massimiliano Baroni. Al Trasimeno il blocco dei sindaci è per Bonaccini: Cristian Betti (Corciano), Matteo Burico (Castiglione del Lago), Roberto Ferricelli (Piegaro), Sandro Pasquali (Passignano sul Trasimeno) e il segretario del Lago Stefano Vinti. Per l’Alto Tevere Luca Secondi (Città di Castello), Paolo Fratini (San Giustino), Mirco Rinaldi (Montone) e Letizia Michelini (Monte Santa Maria Tiberina), con loro pure i segretari cittadini Giordano Milli (Pietralunga) e Filippo Corbucci (Umbertide) con l’ex sindaco Giampiero Giulietti e il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti. Ancora: l’eugubino Diego Pierotti, ex segretario dei Giovani Democratici della Federazione Perugia insieme a Nicola Paciotti (Perugia), Alessio Passeri di Gualdo, Niccolò Sabatini (assessore del comune di Cascia) e Sara Motti (assessore a Corciano). Con Bonaccini anche gli spoletini Stefano Lisci, Dante Rossi e Marco Trippetti. In provincia di Terni: il capogruppo in consiglio Francesco Filipponi, il sindaco di Narni Lorenzo Lucarelli e quello di San Venanzo Marsilio Marinelli e il segretario di Orvieto Paolo Maurizio Talanti.

Il fronte della Schlein parte da Sarah Bistocchi, Andrea Vannini e Manuela Pasquino (di Fabro), pesa il nome dell’eurodeputata Camilla Laureti. Dai giovani democratici Michelangelo Grilli, Lorenzo Ermenegildi, Tiziana Qama di Todi e Benedetta Baiocco di Montecastrilli. Per l’alta umbria Gionata Gatticchi, dal Lago Mariella Spadoni, Alessandro Torrini, Alessio Meloni e Stefania Ercolanoni di Corciano; a Terni l’ex vicepresidente della Camera Marina e il gruppo di Giovani Democratici con Raffaele Di Micco, Luca Serantoni e Michele Di Girolamo (il figlio di Leopoldo).
Nel fronte Cuperlo il segretario di Terni Pierluigi Spinelli, poi l’ex sindaco di Perugia Waldimiro Boccali, Valeria Cardinali e Fabrizio Bracco e anche l’ex primo cittadino di Terni Leopoldo Di Girolamo.
Dai primi scrutini nell’area dell’Orvietano, tra gli iscritti le percentuali dovrebbe viaggiare con questo ordine di grandezza: Bonaccini al 54%, Schlein 38% e Cuperlo all’8%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA