Tennis, Flavia Pennetta: «Il mio Fabio è un leader»

Tennis, Flavia Pennetta: «Il mio Fabio è un leader»
di Vincenzo Martucci
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Ottobre 2021, 00:22 - Ultimo aggiornamento: 15:39

«Papà, respira». Ogni volta che comincia Indian Wells riecheggia quella telefonata del 16 marzo 2014 quando Flavia Pennetta, emozionatissima, chiamò casa, a Brindisi, per segnalare al super tifoso papà Oronzo che aveva vinto il torneo più importante della carriera: prima italiana di sempre, l’anno dopo avrebbe riscritto la la storia con la vittoria agli Us Open, la scalata fino al numero 6 del ranking e la partecipazione alle Finali Wta. «Come faccio a dimenticarlo? Fu un momento di ansia enorme, fra noi!».
Il torneo, in replica da ieri, resta un miraggio nel deserto per gli azzurri. 
«Per me resterà un ricordo bellissimo: il mio primo grande torneo in un posto bellissimo dove non avevo mai giocato bene».
Nel 2013 aveva perso al primo turno contro la Schiavone.
«Ma venivo da sei mesi di stop per l’operazione al polso e tanti dubbi su come, anzi se sarei mai tornata come prima. Dal numero 26 ero scesa al 166. Poi a Wimbledon arrivai al quarto turno e agli Us Open in semifinale, pur entrando come ultima in tabellone. Allora mi dissi: “Sono tornata”».
A Indian Wells lei giocò per la prima volta spinta dall’amore.
«Avevo tolto un po’ di filtri alla storia con Fabio (Fognini) che era appena cominciata. Ero carica di entusiasmo e di energia, mi sentivo completa e felice».
Così volò oltre la numero 1 del mondo Li Na e superò la 2, Aga Radwanska. E risalì fino al 12 della classifica.
«Con Li Na ci siamo uccise, che partita, che qualità di gioco, indimenticabile».
La Pennetta è nata sulla terra ma ha battuto 12 “top 5” su 13 sul cemento.
«Mi ero sempre definita una terraiola, all’epoca si imparava sul “rosso” mentre ora nei circoli ci sono più campi in duro. Poi ho visto che avevo un tipo di gioco che si sposava col cemento, ma dovevo essere più aggressiva e osare di più. Ci ho lavorato sopra, mi sono allenata tantissimo per trasferire i progressi in partita».
Dal 2009 Flavia ha sprintato su se stessa.
«Ho avuto la pazienza di saper aspettare: il duro lavoro paga sempre. Così, da giocatrice molto costante, dopo l’operazione ho cambiato allenatore e gestione generale e sono salita di livello. Ho avuto il coraggio di cambiare e vado fiera dei risultati».
A casa Fognini il tennista numero 1 è Flavia che ha vinto gli US Open 2015. Oggi il marito, Fabio, gioca Indian Wells.
«La superficie per lui conta poco. Per me dove lo metti lo metti, anche sul veloce indoor, può giocare benissimo. Adesso poi non è mai stato così allenato, così “fit”, eppure non riesce a concretizzare coi risultati. Ha perso delle partite di poco, al terzo set, così perde anche sicurezza e dubita un pochino. E pensare che erano due-tre anni che non ci metteva tutto questo impegno. Gl serve un pizzico di fortuna».
Flavia Pennetta è diventata direttore tecnico di Fognini?
«Gli dico solo: “Ti capisco, lo dici a me che un anno ho fatto nove primi turni di fila…”. Lui, però, si era abituato troppo bene: anche se non gli funzionava il tennis per tre settimane poi gli tornava all’improvviso e faceva risultato… Ora poi che è anche marito e padre, ed è maturato, se non vince, gli viene qualche dubbio che a stare troppo lontano da casa trascura la famiglia».
Fabio è motivato anche da Berrettini, Sinner e compagni?
«Vincendo due anni fa Montecarlo ha fatto cadere un muro: ha dimostrato che si può fare qualcosa di più. In prospettiva coppa Davis, questa squadra così forte e competitiva lo motiva. E’ il più anziano ed esperto, è pronto a portare qualità e tranquillità a questi giovani pieni voglia di combattere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA