Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, Guedes il preferito: per Mourinho è caccia all'ala. Ma prima si decide il futuro di Zaniolo

È lui il profilo da affiancare a Abraham chiesto da Mourinho, capace di sdoppiarsi in ala o seconda punta a seconda delle esigenze

Roma, Guedes il preferito: per Mourinho è caccia all'ala. Ma prima si decide il futuro di Zaniolo
di Stefano Carina
4 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 08:08 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 09:28

«Abbiamo il nuovo Ronaldo». Titolava così il quotidiano O Jogo il 30 settembre del 2015. A meritare l'accostamento al mostro sacro portoghese, un ragazzino di 18 anni, 10 mesi e 4 giorni, capace di segnare il gol decisivo della vittoria del Benfica a Madrid, contro l'Atletico. Trattenete il respiro, perché il nome è così lungo che per pronunciarlo ci vuole la rincorsa: Gonçalo Manuel Ganchinho Guedes. Immaginate quindi la sorpresa, quando, alla prima occasione, venne chiesto all'enfant-prodige del paragone con CR7: «Sono portoghese, è normale stimare Cristiano. Ma io sono sempre stato tifoso del Benfica e stravedo per Geovanni». Imbarazzo, stupore, fate voi. È come se a Roma facessero un accostamento con Totti e un ragazzino appena affacciatosi al grande calcio se la cavasse con «Sì, fa piacere ma a me è sempre piaciuto molto Pjanic». Per carità, un ottimo calciatore ma che non può essere minimamente paragonato a Francesco. Basta questo per capire la personalità di Guedes. Lui benfiquista, non poteva vedersi accostato al fenomeno nato nello Sporting Lisbona. Benfica punto di partenza anche di Pinto che lo ha messo ormai da un anno e mezzo nel mirino. Ora il connazionale gioca nel Valencia, è assistito da Mendes - che a Trigoria è sempre più di casa - e ha il contratto che scade nel 2023.

Nodo Zaniolo

È lui il profilo da affiancare a Abraham chiesto da Mourinho, capace di sdoppiarsi in ala o seconda punta a seconda delle esigenze. Giocatore tecnico e di corsa, che ama partire a sinistra per rientrare con il destro. In stagione ha segnato 11 reti in 28 partite nella Liga, più altre 2 in 5 gare nella copa del Rey. Non ingannino le poche presenze. C'è un motivo contrattuale: se Guedes avesse superato quota 35 da almeno 45 minuti, il Valencia avrebbe dovuto pagare altri 5 milioni al Psg. Spesa che un club può fare se intende tenersi un calciatore. Non se vuole venderlo. Tradotto: se la Roma affonda il colpo, l'affare si fa. Anche perché Guedes non si opporrebbe di certo: «Se arriverà una proposta che sia buona per me e anche per la società, la valuteremo», le sue parole non più tardi di un mese fa. La cifra di 40 milioni spesa dal club spagnolo 5 anni fa, a 12 mesi dalla scadenza è scesa nonostante l'ottima stagione del lusitano che ha già fatto sapere di non voler rinnovare. Pinto può giocarsi anche la carta Carles Perez (richiesto dal club iberico a gennaio) per abbassare l'esborso. Non sarà comunque un affare di quelli lampo. Prima la Roma deve capire il destino di Zaniolo: avere o meno Nicolò farebbe tutta la differenza del mondo. Tecnicamente e finanziariamente. L'altro club interessato a Guedes è il Wolverhampton sul quale però c'è il controllo del solito Mendes. A gennaio il 25enne è stato avvistato in città, ufficialmente in vacanza. Il suo è il nome in cima alla lista delle preferenze di Mou. Ce ne sono anche altri che potrebbero dipendere dalla permanenza o meno di Nicolò. Kostic, ad esempio, sul quale anche la Juventus ultimamente si è mossa. Il serbo, fresco vincitore dell'Europa League, ha meno gol nelle gambe (47 in 8 stagioni in Bundesliga, comprese le coppe) rispetto al portoghese ma porterebbe comunque in dote la bellezza di 63 assist dell'esperienza tedesca tra Stoccarda, Amburgo e Eintracht. In Italia invece chieste informazioni su Deulofeu sul quale però il Napoli è in vantaggio. Il nome in prospettiva è invece quello dell'argentino Farias del Colon, 19enne, seguito anche dall'Atalanta.

Il silenzio di Mkhitaryan

In avanti, se Pinto riuscirà a trovare una sistemazione a Shomurodov, l'idea è affiancare a Abraham (al quale ieri Mou ha ricordato su Instagram che dopo Champions e Conference gli «manca di vincere soltanto l'Europa League») un centravanti che all'occorrenza possa giocargli anche vicino. Mourinho abbraccerebbe nuovamente Arnautovic (offerto dall'agente), nonostante il passato interista non sia di quelli da celebrare. Ma come già accaduto con Smalling e Mkhitaryan, lo Special One ha già dimostrato di saper voltare pagina. Quella che l'armeno è pronto a fare con la sua avventura in giallorosso. A Trigoria aspettano ancora un suo segnale. Che trascorrono i giorni e ancora non arriva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA