Lazio, Ciro e Joaquín: la coppia batte il tris

Venerdì 6 Dicembre 2019 di Daniele Magliocchetti
Correa e Immobile
 I “Fab Two” contro i “Fab Three”. Sarà la notte dei Re del gol. E all’Olimpico lo spettacolo è assicurato. La coppia più prolifica d’Europa contro il tris d’assi della Juve. Una sfida da far tremare i polsi. L’esame più duro per Immobile e Correa. Ma anche il più esaltante. Avere davanti Ronaldo, il più forte di tutti, con Higuain e Dybala alle spalle non è da tutti i giorni. Se poi il tandem biancoceleste ci arriva con gli onori del caso, visto che i due sono in vetta a tutte le classifiche di rendimento, l’adrenalina e la responsabilità non fa che aumentare a dismisura. Immobile, da solo, con i suoi diciassette gol ha surclassato Ronaldo, Higuain e Dybala che insieme, fino ad ora, hanno totalizzato appena quattordici reti. Più di un primato, considerate le attese, il valore dei tre per non parlare dei loro ingaggi. 

I NUMERI
Se si aggiungono i sei gol di Correa a quelli di Ciro, il tandem laziale quasi doppia i bianconeri. E non a caso la coppia biancoceleste attualmente è in vetta ai goleador di tutta Europa con 23 reti. Tre in più di quella del Bayern con Lewandosky-Gnabry. 
La difesa meno battuta del campionato (insieme al Verona), avrà il suo bel da fare contro Immobile e Correa. Non che quella della Lazio possa dormire tranquilla, con Ronaldo e uno tra Dybala e Higuain (più il primo che il secondo), ma Immobile e Correa non si fermano mai. Un incubo per le difese. Segnano a ripetizione. Impressionante il cammino di Ciro, andato sempre a segno nelle ultime nove partite realizzando 13 reti, con quattro doppiette. Anche il Tucu non scherza, visto che nelle ultime sette gare di campionato ha realizzato cinque reti. 
Di solito Sarri è attento solo ad organizzare tatticamente la sua squadra, quasi non guardando mai gli avversari, ma stavolta, forse, sarà costretto a fare un’eccezione. Il modo di giocare, di cercarsi continuamente e di fraseggiare nello stretto del tandem laziale può mettere in crisi anche gente navigata e forte come Bonucci e De Ligt. 
La formazione della Lazio è praticamente già decisa. Ieri Inzaghi ha mischiato e, forse nascosto un po’ le carte, provando Parolo in mezzo insieme a Leiva e Luis Alberto, mettendo da parte Milinkovic. Ma il serbo sarà della gara. L’unico dubbio riguarda la difesa, con Patric infortunato, dove Luiz Felipe è in vantaggio su Bastos, ma l’angolano è in ripresa e qualche chance ce l’ha. 

L’INCASSO 
Una partita attesissima che ha riacceso l’entusiasmo del tifoso della Lazio. Curve e distinti sono esauriti da giorni, da ieri pure la tribuna Tevere, prima volta in stagione. Si va oltre i 60.000 spettatori, più del derby, anche se saranno tanti tifosi della Juve, oltre 10.000. Probabilmente anche l’incasso sarà da capogiro, più di tre milioni di euro circa. Non solo. Ci saranno tanti spettatori sparsi in giro per il mondo, considerato che la partita sarà trasmessa in diretta tutti e cinque i continenti. Non resta che il campo e per la Lazio l’occasione di diventare ancora più grande è davvero unica. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma