Coppa Italia, pazza Ternana, da 1-5 a 4-5, ma passa a Bologna. Sampdoria in rimonta, Crotone ai rigori, Salernitana facile

Coppa Italia, pazza Ternana, da 1-5 a 4-5, ma passa a Bologna. Sampdoria in rimonta, Crotone ai rigori, Salernitana facile
di Vanni Zagnoli
4 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Agosto 2021, 23:50

La Ternana firma l’unica sorpresa del turno ferragostano di Coppa Italia. Passa a Bologna per 4-5, addirittura, è un punteggio da rigori, invece è maturato interamente sul campo. Passano la Sampdoria, nel quasi derby con l’Alessandria, il Crotone (ai rigori sul Brescia) e la Salernitana.

Bologna-Ternana 4-5

Dunque esce Sinisa Mihajlovic, che invece avrebbe dovuto provare a fare strada con una squadra che mai realmente, in questi anni, è stata in lotta per l’Europa League, in campionato. Gioisce Cristiano Lucarelli, che disputerà il campionato di Serie B con le fere, dopo il flop nella sua Livorno, nella chance avuta per amicizia dal presidente Spinelli, a 46 anni è un tecnico maturo. Al Dall’Ara i rossoverdi si portano sull’1-5, come la Roma un anno fa, in campionato, e poi rischiano, sul 4-5.

Non basta l'esordio dal primo minuto di Marko Arnautovic per far partire la stagione del Bologna col piede giusto. In 21’ i rossoblù sono sotto di due reti, assolo di Agazzi (7') e testa di Daniele Donnarumma, che pochi minuti prima aveva peraltro sbagliato un rigore. Nel finale del primo tempo l’1-2 di Dominguez su assist di Soumaoro, a cui risponde Peralta, a tu per tu con Skorupski.

Nella ripresa gli umbri trovano altre due reti in 10 minuti, con Falletti e Peralta. Sinisa non ci sta mai a malfigurare, realizzano Arnautovic e Soriano, poi Orsolini su rigore. Il 15 dicembre, Venezia-Ternana.

BOLOGNA. Resterà a Bologna Walter Sabatini: «Dopo questa sconfitta non ho più dubbi: rimarrò un altro anno, perché davanti a certe situazioni si combatte e non si scappa. Ci scusiamo per oggi». E su Tomiyasu che piace al Tottenham di Paratici: «Per ora è un nostro giocatore, vedremo nei prossimi dieci giorni. Siamo stati disponibili ad ascoltare un'offerta che ancora non è arrivata: e per uno come lui deve essere importantissima».

Sampdoria-Alessandria 3-2

A Marassi i grigi accarezzano i supplementari al ritorno in B dopo quasi mezzo secolo. Passano all’8’, recupero palla e Chiarello che dal limite dell’area incrocia rasoterra. Quagliarella pareggia ma in fuorigioco, Thorsby coglie la traversa. Al 28' il pressing dei blucerchiati è premiato con il gol ravvicinato del centravanti e capitano di 38 anni. All’intervallo l’altro sussulto piemontese, di Corazza, su rigore. La Sampdoria rovescia la gara alla ripresa, con Gabbiadini e ancora Thorsby, servito da Candreva. L’espulsione di Benedetti a 6’ dalla fine agevola i doriani, vicino al poker con Caprari. A metà dicembre Sampdoria-Torino.

Crotone-Brescia 6-4 dcr (2-2)

Sono due squadre da playoff in Serie B. Calabresi avanti con il tiro dai 25 metri di Vulic, con deviazione di Aye in autogol, al 26’. La reazione della squadra di Pippo Inzaghi è con Bajic per Tom van de Looi, conclusione facile del centrocampista. L’1-2 è di Bajic, in contropiede, il pari di testa, di Mulattieri, su ottimo cross di Borello. Allo scadere dei supplementari espulso Pajac (Brescia), per scivolata dura su Benali. Ai rigori passa la formazione di Modesto, fra 4 mesi giocherà a Udine.

Salernitana-Reggina 2-0

Ritmi alti e grande equilibrio all’Arechi, Fabrizio Castori fa valere la categoria di differenza. Nel primo tempo è di Coulibaly la conclusione più pericolosa sul servizio del granata Bonazzoli. Laribi, invece, chiama in causa Belec. All’intervallo, assist di Matteo Ruggeri per Federico Bonazzoli, controllo spettacolare e vantaggio. La doppia al 10’ st su cross di Kechrida, tiro incrociato. Annullato per fuorigioco il tris, di Capezzi. Castori è un maestro nel controllo dei match quando passa in vantaggio. Ai sedicesimi a Marassi infastidirà il Genoa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA