L'Ungheria non parteciperà agli Eurovision: «Sono troppo gay»

Giovedì 28 Novembre 2019
1

L'Ungheria non parteciperà agli Eurovision del 2020 perché «troppo gay». Il Paese guidato dall'ultradestra di Viktor Orban non ha fornito alcuna motivazione ufficiale per il passo indietro ma la decisione arriva in un momento in cui il governo è impegnato in una forte campagna per la famiglia tradizionale e l'aumento delle nascite.

Mahmood al Parlamento europeo: «Spero di rappresentare i giovani come me»
​Eurovision song contest, ​​Mahmood arriva secondo, Madonna a sorpresa con bandiere di Israele e Palestina

Un commentatore televisivo considerato vicino alle posizioni del governo ha di recente definito gli Eurovision una «homosexual flotilla», aggiungendo che uscirne avrebbe fatto solo bene alla «salute mentale» dell'Ungheria. Sono state fonti interne alla rete televisiva in questione, la MTVA, a rivelare al quotidiano britannico The Guardian che dietro al ritiro c'è la vincinanza del contest alla cultura LGBTQ+.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma