Elodie in difesa di Sergio Sylvestre dopo la gaffe sull'Inno: «Schifata dai commenti razzisti»

Giovedì 18 Giugno 2020
Elodie

Elodie scende in campo in difesa di Sergio Sylvestre, reduce dalla gaffe sull'Inno di Mameli cantato con qualche incertezza all'Olimpico prima della finale di Coppa Italia fra Juve e Napoli.   «Sono schifata nel leggere commenti razzisti. Sergio ieri era emozionato, e voi l'avete offeso. Non ve lo meritavate un Inno nazionale cantato da Sergio, questo è il problema. Sono schifata, mortificata, dispiaciuta. Questo è fare del male alle persone gratuitamente. Siete delle brutte persone. Delle m.., anzi». È lo sfogo che Elodie affida ad Instagram, dove -in una delle sue stories- difende a spada tratta l'amico e collega Sergio Sylvestre dopo le polemiche sull'Inno.

 

Sergio Sylvestre si scusa dopo la gaffe sull'Inno di Mameli all'Olimpico: «Emozionato per lo stadio vuoto» L'amnesia di Katia Ricciarelli
Da Sergio Sylvestre a Christina Aguilera: quando il cantante “stecca” l'Inno
Napoli in festa per la Coppa, ira Oms: «Tifosi sciagurati». Salvini attacca: «Dov'era De Luca?»
Sergio Sylvestre dimentica l'inno d'Italia: «Mi sono bloccato perché ero triste»

 La cantante ha poi risposto su Twitter al video postato da Matteo Salvini, in cui il leader della Lega criticava l'esibizione del cantante attraverso la scritta 'Sbagli L'Inno e saluta col pugno chiuso, ma dove l'han trovato? Povera Italia!'. «Non perde mai occasione per dimostrare quello che è, un piccolo uomo», sferza Elodie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA