Il premio Anna Magnani, Cinecittà elegge le regine

Martedì 26 Marzo 2019 di Roberta Marchetti
Enrico Brignano e Flora Canto

L'eternità di Roma e l'immortalità del cinema. In un solo nome, Anna Magnani: tra le attrici italiane più amate di sempre, diva senza tempo, alla quale rendere doverosamente omaggio ancora oggi, a 46 anni dalla sua morte. Ieri sera negli Studi di Cinecittà, dove era di casa, la quinta edizione della kermesse che porta il suo nome. Il Premio Anna Magnani, ideato da Matteo Persica e diretto da Francesca Piggianelli, è la più importante manifestazione dedicata alla memoria di questa straordinaria artista e donna eccezionale, assegnato ad attori, cantanti e personaggi televisivi, con un occhio sempre attento anche ai nuovi talenti.
 

 

Tra i premiati di quest'anno Carolina Crescentini, arrivata al Teatro Fellini con il compagno Francesco Motta, Alessio Boni, l'inarrestabile - e irresistibile - Ilenia Pastorelli, Enrico Brignano e Flora Canto, a cui è andato il premio rivelazione, Simone Cristicchi, la giovane attrice Raffaella Camarda e la conduttrice Francesca Fialdini, raggiante in tailleur bianco. I protagonisti sono arrivati l'uno dopo l'altro: flash, qualche chiacchiera e poi tutti in sala per la cerimonia, condotta da Claudio Guerrini. Tra i premi speciali assegnati quello per il teatro, andato a Elena Bonelli per lo spettacolo Gabriella Ferri ed Anna Magnani e quello del giornalismo a Laura Bozzi, direttore di Vero e Vero Tv. Tra i volti noti nel parterre il regista Angelo Longoni e la moglie Eleonora Ivone, Saverio Vallone e il pugile Emanuele Blandamura. 

Ultimo aggiornamento: 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA