Le opere degli studenti dei licei artistici di Roma in mostra ai Mercati di Traiano

Giovedì 7 Novembre 2019 di di Valentina Venturi

Gli studenti dei licei artistici si mettono in mostra, ma fuori dai banchi di scuola. E lo fanno seguendo lo slogan “da cosa nasce cosa”: un modo di dire, a volte anche uno stile di vita ma anche (e soprattutto) il tema che ha ispirato la creatività e la fantasia di cinquantacinque licei italiani che ieri e oggi espongono le loro creazioni finali, 86 in tutto, all’interno dei Mercati di Traiano, Museo dei Fori Imperiali. I futuri designer e stilisti nostrani hanno preso parte a “New Design 2019. La creatività nell’istruzione artistica italiana”, un appuntamento espositivo ideato per celebrare la nuova identità del liceo artistico, che si auspica di divenire il luogo dove dare vita alla manualità colta e alle future eccellenze.
 

 

Tre gli istituti romani in gara: l’artistico statale Enzo Rossi, il liceo artistico Ripetta e il Federico Cesi, mentre dal Lazio si sono fatti notare l’IIS Ulderico Midossi di Civita Castellana con l’opera White Cube, l’IISS F. Orioli di Viterbo e l’artistico Luca Paciolo di Anguillara. Un’esposizione ma anche un concorso nazionale, la cui premiazione è prevista questa mattina al MAXXI. Tutto nasce dalla mente prolifica del dirigente Danilo Vicca, preside dell’Enzo Rossi, liceo artistico della periferia romana, ma soprattutto istituto che ha organizzato la mostra “New Design 2019”: «In realtà - precisa con soddisfazione il dirigente - la periferia è ormai diventata il centro delle idee e delle proposte. Dal progetto New Design emerge la voglia dei ragazzi di esprimere la loro creatività con un’attenzione particolare all’ambiente: molti dei lavori esposti sono realizzati con oggetti dismessi ai quali la loro fantasia ha donato nuova vita».
In particolare gli studenti dell’Enzo Rossi con la divertente opera “Tipi da copertina” hanno rivisitato grandi magazine, sia italiani che internazionali, sostituendo all’immagine originale di copertina il proprio viso. Negli spazi espositivi si sono potuti apprezzare anche abiti di design, gioielli in oro e argento del Liceo Artistico di Marcianise, oggetti di arredamento e idee di utilizzo quotidiano come il tavolino en plein air “Aaladino”, ispirato al desigenr finlandese Alvar Aalto ideato dallo studente Giuseppe Fiducia del “Liceo Artistico Catalano” di Palermo. Per tutti i ragazzi è stata l’occasione di mettere a confronto la propria creatività, la capacità tecnica e manuale di rendere tangibili le proprie idee, confrontandosi con i coetanei delle altre scuole. Un modo concreto per mettersi in gioco.
 

Ultimo aggiornamento: 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma