Ballando on the road, centinaia di ballerini per il casting con Milly Carlucci e Carolyn Smith

Sabato 14 Dicembre 2019 di Paolo Travisi

Italiani popolo di ballerini. O aspiranti tali. Lo dimostrano i numeri di Ballando on the road, il talent itinerante ideato da Milly Carlucci, che ha percorso tutta la penisola, da Milano a Reggio Calabria, riscoprendo la grande passione degli italiani per il ballo. 20 mila ballerini, 5 mila esibizioni, 200 ore di provini, per il tour dei record che conclude la quinta stagione all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Il Teatro Studio dell’Auditorium - dove si svolgono le due giornate di provini - è pieno di ballerini, 400 quelli in fila per il casting. Tanta l’emozione tra il pubblico, fatto di amici, familiari ed appassionati del programma televisivo, mentre a dirigere i provin, c'è Milly Carlucci, accompagnata dalla coreografa e presidente di giuria, Carolyn Smith, e gli altri esperti giurati tra cui Guillermo Mariotto, e i maestri di ballo di Ballando con le stelle, Raimondo Todaro, Veera Kinnunen, Stefano Oradei e Anastasia Kuzmina, che all’Auditorium si sono lanciati in una bellissima esibizione di tango, accompagnati dalla Junior Orchestra del Conservatorio Nazionale di Santa Cecilia.
 

«Sei milioni di italiani praticano il ballo, abbiamo visto persone di tutte le età, dai 3 ai 100 anni. Oggi si è esibita una coppia di 98 anni lui, 86 lei» racconta Milly Carlucci tra un provino e l’altro «ogni regione ha il suo ballo preferito, polka e mazurka sono tipici dell’Emilia Romagna, caraibico e country piacciono in tutta Italia, ma la moda dell’anno è lo swing». Per i partecipanti al casting di Ballando on the road, che si avvale anche di due partner di eccellenza nella tappa di Roma - l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e la Fondazione Musica per Roma - in palio, c'è la partecipazione al programma di Rai1. A febbraio, infatti, nel pomeridiano televisivo di Ballando, sulla Rai saranno selezionate le otto coppie migliori, che poi si sfideranno in diretta a “Ballando con te” che ritornerà sulla Rai a fine marzo.

Per convincere la presidente di giuria, Carolyn Smith «devono ballare con il cuore ed avere il coraggio di essere se stessi e fare qualcosa di completamente diverso dagli altri». Quanto tempo ci vuole per riconoscere un talento? «Nel mio caso, bastano due secondi» dice con sincerità Smyth. E Guillermo Mariotto, svela quali caratteristiche debbano avere le otto coppie che saranno scelte a febbraio. «E’ difficile fare previsioni, ma deve esserci qualcosa che li spinge nell’anima ed allora senti il brivido della gioia della danza».

Quest’anno inoltre, Milly Carlucci regala a questi giovani ballerini un’opportunità straordinaria, iscrivendosi nella categoria PRO si potrà essere valutati per diventare uno dei nuovi Maestri di Ballando con le Stelle 2020. 

 

Ultimo aggiornamento: 23:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani