Alla Versiliana, doppia mostra
su Leonardo per i 500 anni

Lunedì 6 Maggio 2019
Autoritratto di Leonardo da Vinci
Oltre venti macchine di Leonardo e le opere di più di 40 artisti contemporanei, una Monnalisa moderna in carne ed ossa, le canzoni del Genio, e un concorso pittorico per bambini: si intitola Leonardo 500 la doppia mostra organizzata dal 9 maggio all’11 giugno dalla Fondazione Versiliana nelle sale espositive della Villa La Versiliana a Marina di Pietrasanta (Lucca) e nei locali Ex Incanto di Tonfano. Gli appuntamenti, spiega una nota, organizzati per il 500mo dalla morte del genio di Vinci, faranno da prologo alla 40ma edizione del Festival La Versiliana.

Per la prima volta la Villa La Versiliana ospiterà Le macchine di Leonardo, fedeli riproduzioni delle opere di ingegneria, prototipi per il volo, strumenti ed invenzioni realizzate a partire dai suoi disegni. Ad accogliere i visitatori, sei grandi monitor su cui saranno trasmessi documentari, interviste a personalità della cultura e immagini, con la possibilità di incontrare una Monnalisa “moderna” che in abiti d’epoca ma con smartphone alla mano e tatuaggi in bella mostra, racconterà sé stessa e spiegherà ai visitatori la modernità. La mostra sarà arricchita anche dal convegno di studi “Leonardo ed il suo tempo - invenzioni, storia ed architetture” con studiosi del Rinascimento. Ai più piccoli è rivolto un concorso pittorico per colorare le opere di Leonardo. Nel segno del Genio italiano, sarà inoltre possibile ammirare nella Villa, grazie ad una particolare tecnica di scansione in grande formato alcune tra le più suggestive opere su tela realizzate da Michelangelo nella Cappella Sistina, da Giotto nella Cappella degli Scrovegni. L’altra mostra dal titolo “Leonardo 500. 1519-2019” proporrà invece il mondo di Leonardo visto attraverso le tele, disegni e sculture di oltre 40 artisti, pittori, illustratori e scultori contemporanei di fama che hanno esplorato l’uomo, reinterpretato la sua immensa eredità artistica oppure “scherzato” con disegni e divertissement sul genio leonardesco. © RIPRODUZIONE RISERVATA