Roma, calci e pugni alla compagna fino a procurarle
fratture e contusioni: arrestato

Sabato 4 Gennaio 2020
Offese, botte, calci, pugni, non si è fermato neanche quando la compagna è caduta a terra. Anzi a continuato a colpirla. Fino all'arrivo delle forze dell'ordine allertate dai vicini. Ieri sera, icCarabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trionfale hanno arrestato un 35enne dello Sri Lanka, con precedenti, con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della compagna, 49enne del Perù. Su richiesta giunta al 112, i carabinieri sono intervenuti presso l’abitazione della donna in via Corchiano, zona Tomba di Nerone, dove, al culmine di una violenta lite scoppiata per futili motivi, l’uomo, dopo aver strattonato e gettato a terra la compagna, l’ha colpita con calci e pugni.

I militari hanno immediatamente bloccato il 35enne, ancora in stato di agitazione, e hanno soccorso la vittima, poi medicata presso l’ospedale Sant’Andrea e dimessa con prognosi di 25 giorni per una frattura alla mano, contusioni alla testa, alla schiena e all’addome, e ecchimosi al volto. La vittima ha poi denunciato ai Carabinieri che episodi di violenza sono accaduti anche in passato ma che non ha mai richiesto aiuto alle forze dell’ordine. L’arrestato è stato portato in carcere a Regina Coeli.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma