Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ciampino, criminalità in agguato: il Comune installa venti telecamere

Ciampino, criminalità in agguato il Comune installa venti telecamere
2 Minuti di Lettura
Domenica 14 Febbraio 2021, 11:15

Venti telecamere di videosorveglianza per garantire più sicurezza a Ciampino. I fondi sono stati stanziati dal Ministero dell’Interno che considera “Elevatissimo” l’indice di criminalità della cittadina aeroportuale ai piedi dei Castelli, con una incidenza delittuosa pari a 10 (il massimo nella scala del Viminale che raccoglie i dati delle forze dell’ordine). Ciampino, con oltre 39 mila abitanti, e Vallepietra sono gli unici due Comuni in tutto il Lazio ad essere destinatari dei finanziamenti del Viminale che ha stilato una graduatoria dei 2.265 enti coinvolti nel bando “Patto della Sicurezza”. La località sull’Appia Nuova al 132°posto. Settanta mila euro la somma stanziata dal ministero che va cofinanziare, al cinquanta per cento, il progetto presentato dall’ente per la sicurezza. Il comando della polizia municipale di zona è al lavoro per l’installazione dei «varchi di videosorveglianza», come specifica Roberto Antonelli, comandante dei poliziotti comunali. «Ognuno - dice - costituito da più telecamere di controllo in grado di effettuare un monitoraggio, in tempo reale, dei veicoli in transito» . Si tratta di sofisticati impianti Velocar targa System, telecamere al altissima risoluzione, in grado di leggere il numero di targa dei veicoli anche ad alta velocità e riconoscere immagini notturne. Verranno dislocati nei punti nevralgici. «Saranno poste - prosegue Antonelli – a presidio dei “cancelli” di ingresso e di uscita della città, cioè le zone più sensibili. I dispositivi sono collegati con la banca dati della Prefettura e consentono in brevissimo tempo di acquisire notizie. A Ciampino già sono esistenti varie. La valutazione del Viminale, che viene fatta in rapporto alla popolazione, deriva dall’alto numero di furti, danneggiamenti di auto, atti vandalici e piccole truffe. La graduatoria del Ministero dell’Interno è correlata a rapporti e denunce dei cittadini. Il Viminale ha valutato la delittuosità esistente a Ciampino in relazione a quella emergente in Provincia, assegnando un punteggio pari a 7,58. All’ultimo posto c’è Montalto Uffugo, un piccolo paese della provincia cosentina, in Calabria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA