Roma, stuprata alla Garbatella, il racconto choc della vittima: «Non è un senzatetto, cercava prede in zona»

La 40enne violentata fuori da un ristorante: "Mi ha presa per la gola, poi mi ha fratturato lo sterno"

Roma, stuprata alla Garbatella, il racconto choc della vittima: «Non è un senzatetto, cercava prede in zona»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Ottobre 2022, 09:35

«Pensavo di morire, lui era lì solo per violentarmi, era brutale. Prima mi ha presa per la gola, poi mi ha fratturato lo sterno». Così il racconto della donna 40enne violentata venerdì scorso alla Garbatella, a Roma, al quotidiano 'La Repubblicà che la chiama Marta, nome di fantasia.

Roma, i ring delle baby gang terrorizzano la Capitale: vendette, risse, ricatti hot. «Stasera ci massacriamo»

Il racconto

«Ho provato a reagire ma mi ha rotto lo sterno. Non è un senzatetto, conosce bene la zona - continua Marta - Quell'uomo mi ha stordito in un modo brutale all'improvviso. Mi ha presa per la gola, fino a quando ho pensato che stavo per morire. Mi ha schiacciata contro il freno a mano, in quel momento mi ha fratturato lo sterno. A un certo punto non ho avuto la forza di reagire. E anche se provavo a divincolarmi, mi sono resa conto che mi aveva incastrato. Qualsiasi cosa avessi provato a fare mi avrebbe massacrata. Una violenza spropositata. Lui poteva prendersi la macchina, la mia borsa, il telefonino, tutto. Invece voleva solo farmi del male, violentarmi. Era questo il suo obiettivo. Poi si è preso anche i soldi».

 

 Cercava prede

«È un mostro, va fermato subito. Lui cercava prede in giro quella sera. E, secondo me, mi ha avvistata. Ma poteva essere qualsiasi altra donna la vittima. Invece è successo a me e adesso sento di dover tutelare la mia famiglia. Ai miei parenti non ho ancora detto ciò che mi è successo. Chiedo di essere lasciata sola a riprendermi da quanto ha sconvolto la mia vita», ha concluso Marta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA