Roma, condominio non accende i riscaldamenti per risparmiare sulle bollette

In una palazzina del quartiere Africano è stato respinto il bilancio preventivo proposto dall'amministratore

Roma, condominio non accende i riscaldamenti per risparmiare. Lite all'assemblea
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Dicembre 2022, 17:07 - Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 10:29

Senza termosifoni accesi. Un condominio a Roma, nel quartiere Africano, ha deciso di tenere spenti i riscaldamenti per risparmiare. La decisione è stata presa all'ultima assemblea. «Ne abbiamo discusso e parlato insieme - racconta Anna (ndf) -. La maggioranza non voleva accenderli e così abbiamo votato». Quando è stato il momento di esprimere il proprio parere, però, serviva di raggiungere più del 50% dei millesimi del condominio per rifiutare il bilancio preventivo proposto dall'amministratore. «Siamo più di 70 condomini nelle palazzine e siamo riusciti a respingere il bilancio». Una decisione, tuttavia, che ha suscitato l'ira di alcuni.

Caro-bollette e conguagli, stop alla fornitura di gas: a Roma primi condomini al freddo

Condominio "tirchio" a Roma, la rivolta

La scelta presa in assemblea non è durata a lungo. «È intervenuto un magistrato che abita nel palazzo - prosegue Anna -. Ha intimato di procedere con decreto ingiuntivo per l'accensione». I riscaldamenti, infatti, per legge devono essere attivati. «Dal primo dicembre sono accesi anche qui - precisa la condomina -. Ma fosse stato per me l'avrei tenuti spenti, ci sono alti modi per scaldarsi ormai».

La battaglia sui costi

Perché i condomini non volevano approvare il bilancio? «La maggior parte di coloro che abitano nelle palazzine hanno sistemi alternativi per riscaldare casa - racconta Anna -. Io ho due condizionatori che possono essere utilizzati sia d'estate che d'inverno, perché mandano l'aria calda». Poi ci sono anche le stufe elettriche. «Pensavo di comprarne una di quelle in ceramiche, costa circa 80 euro. Sempre meno dei 250 della prima rata». 

Termosifoni spenti perché manca il gasolio, alunni non entrano a scuola

 

Il risparmio

Il freddo è arrivato anche a Roma. Ma il costo dei riscaldamenti fa più paura. «Preferisco pagare di più le bollette per l'elettricità - sottolinea Anna -, almeno spendo quanto consumo». Per i termosifoni, infatti, c'è un costo "involontario", delle spese che bisogna sostenere anche se poi non si accendono. E così che molti si oppongono e nasce uno scontro all'interno dei condomini. «Non siamo tirchi come qualcuno della palazzina ha detto - conclude Anna -. Non vogliamo andare incontro a spese folli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA