MALTEMPO

Nubifragio a Roma: strade allagate, persone intrappolate nelle auto. E il sindaco Raggi si scusa su Fb

Domenica 21 Ottobre 2018 di Gianluca Lengua
7
Nubifragio a Roma: strade allagate, persone intrappolate nelle auto. E il sindaco Raggi si scusa su Fb

Nubifragio e grandine questa sera a Roma. La pioggia intensa ha causato allagamenti e disagi in tutta la città, accompagnata anche dal forte vento e dalla grandine che si è depositata sull'asfalto. In alcune zone della Capitale gli automobilisti sono rimasti bloccati nei loro mezzi, con l'acqua che ha raggiunto anche i 30 centimetri. 

LEGGI ANCHE Maltempo a Roma, Di Maio: «Evento eccezionale, per la Capitale più poteri straordinari»
 


LEGGI ANCHE: Meteo, addio estate: arrivano pioggia e freddo dall'Est. Lunedì prima neve sull'Appennino

Alcune stazioni della metro allagate e per questo chiuse, così come la sede di un municipio, e diversi automobilisti rimasti bloccati sui tetti delle auto dopo essere riusciti ad uscire dalle macchine per mettersi in salvo. Sei le stazioni metro chiuse e le stesse auto di servizio dei vigili sono rimaste bloccate perché semisommerse dall'acqua. Su via Palmiro Togliatti, nella zona est della Capitale, si è raggiunto quasi un metro d'acqua. Le sei stazioni della metro di Roma chiuse per i danni del maltempo sono quella dei Colli Albani, Lucio Sestio, Cinecittà, Numidio Quadrato-Battistini, Porta Furba Quadraro sulla linea A e Pietralata sulla metro B. Disagi in serata a causa del maltempo anche per tram e bus. La sede del municipio V di Roma è allagata a causa delle forti piogge così come il corrispondente gruppo della polizia locale.
 

 
 Sono numerosi gli interventi della polizia locale per i disagi legati alla bomba d'acqua su Roma: i vigili sono dovuti intervenire, a quanto si apprende, anche in aiuto di automobilisti rimasti bloccati dentro le proprie auto, andate in avaria a causa dell'acqua alta, che in alcuni punti ha raggiunto oltre il mezzo metro. Tra le zone più colpite della città ci sono: Prati Fiscali, Bufalotta, Viale Ionio, viale Tiziano, via Nomentana, Via Tiburtina, Viale Tirreno e alcuni tratti del Gra. Alberi e rami caduti al momento si registrano in via Ardeatina e in Via Statilia. Alcune pattuglie sono intervenute anche in via Appia Antica a causa dell'allagamento della Basilica di San Sebastiano.

Strade allagate, automobilisti bloccati e acqua anche anche all'interno della Basilica di San Sebastiano su via Appia. Qui l'acqua ha raggiunto quasi il mezzo metro d'acqua. L'allagamento sarebbe iniziato sul piazzale poi l'acqua è entrata dentro la chiesa. La basilica di San Sebastiano fuori le mura è una delle basiliche storiche della Capitale. Fino al Giubileo del 2000 ha fatto parte delle sette chiese visitate dai pellegrini in occasione del Giubileo.

Le scuse della sindaca Raggi su Facebook. «Questa notte si è abbattuto su Roma un violento temporale con forti grandinate che ha causato diversi allagamenti in alcuni quartieri della Capitale, in particolare nel quadrante est. Siamo subito intervenuti con volontari, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Polizia Locale, e squadre del Simu e dell'Ama...

...Abbiamo prontamente riunito il COC, Centro Operativo Comunale, per coordinare al meglio le operazioni. Ringrazio tutte le squadre che questa notte lavoreranno senza sosta sul territorio per ripristinare più velocemente possibile la normalità. Ci scusiamo sin d'ora per i disagi». 

Domani intanto le temperature sono previste in calo drastico dei valori medi. La colpa è dei venti che faranno affluire, spiegano i metereologi di Epson Meteo, «affluire aria decisamente più fredda sull'Italia determinando un notevole calo delle temperature con diminuzioni anche dell'ordine di 8-10 gradi». La perturbazione tenderà a scivolare sempre lunedì sul Tirreno da dove determinerà marcato maltempo sulle regioni del medio Adriatico, in particolare Abruzzo e Molise, e quelle meridionali, con rovesci e temporali localmente forti ed un'intensa ventilazione. Qualche pioggia isolata anche nel basso Lazio. Limite della neve sull'Appennino centrale al mattino in calo temporaneamente fino a 1500 metri circa, in progressivo rialzo nelle ore successive. Martedì, poi, il maltempo si muoverà ulteriormente verso sud, determinando ancora condizioni di instabilità all'estremo Sud dove il tempo migliorerà solo nella notte successiva.

Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 19:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lo squillo di Vasco

di Marco Molendini