Obesity Day, allarme per un bambino su dieci. Visite gratuite al Bambino Gesù

Martedì 9 Ottobre 2018
Obesity Day, visite gratuite al Sant'Ambrogio di Milano. In Italia 1 bambino su 10 è obeso
In occasione dell'Obesity Day, che si celebra domani 10 ottobre, medici e nutrizionisti dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù illustreranno i criteri di una corretta educazione alimentare. Viene così promossa la conoscenza di una malattia complessa e invalidante come l'obesità, fornendo alla gente suggerimenti utili per correggere il proprio stile di vita. 

LEGGI ANCHE Obeso muore in ospedale a 45 anni. Il fratello: «Non ha trovato una Tac adatta al suo peso»

L'Obesity Day è una manifestazione promossa dalla Fondazione Adi (Associazione di dietetica e nutrizione clinica italiana). Il focus di quest'anno è la Dieta Mediterranea Regionale, portatrice di una sana e corretta alimentazione e benessere. L'evento organizzato al Bambino Gesù prevede attività per tutti: bambini, ragazzi, genitori e anche per gli stessi dipendenti dell'Ospedale che vorranno aderire. Durante la giornata i partecipanti riceveranno materiale informativo e indicazioni da medici e nutrizionisti dell'Ospedale. Su richiesta potranno essere effettuate delle misurazioni antropometriche per la valutazione dello stato di salute.

Sovrappeso, obesità e sedentarietà sono ancora diffusi: il 21% dei bambini è in sovrappeso, mentre il 9% risulta obeso. L'indagine dell'Osservatorio Okkio alla Salute (il sistema di sorveglianza del Ministero della Salute) evidenzia, inoltre, che la maggior parte dei bambini tra i 4 e i 10 anni adotta uno stile di vita sedentario e solo 1 su 4 raggiunge la scuola a piedi o in bicicletta.

«L'obesità infantile è dovuta a un'eccessiva e cattiva alimentazione ed è legata a una ridotta attività fisica», dichiara Giuseppe Morino, responsabile di Educazione Alimentare del Bambino Gesù. «È importante tenere sotto controllo bambini obesi o in sovrappeso in quanto sono più esposti al rischio di contrarre, da adulti, malattie cardiovascolari, diabete di Tipo 2 o l'ipertensione».

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Whatsapp parla chiaro: studenti on line in classe

di Raffaella Troili