Caso amatriciana, interrogazione-provocazione M5s a Zingaretti: «Come si fa il cacio e pepe?»

Caso amatriciana, interrogazione-provocazione M5s a Zingaretti: «Come si fa il cacio e pepe?»
di Mauro Evangelisti
2 Minuti di Lettura
Martedì 10 Febbraio 2015, 15:31 - Ultimo aggiornamento: 19:58

Interrogazione del Movimento 5 Stelle al presidente del Lazio, Nicola Zingaretti: «Ma nella cacio e pepe, il pepe deve essere bianco o nero?». Attenzione, non è uno scherzo, l’interrogazione («urgente e a risposta immediata») è solo una provocazione politica.

Per comprenderne il significato bisogna tornare indietro con il nastro a ciò che è successo ieri, quando sui social network Zingaretti è intervenuto, scherzosamente, sulla polemica tra Cracco (uno dei giudici di Masterchef) e il Comune di Amatrice. «Mai l’aglio nell’amatriciana», aveva spiegato Zingaretti, schierandosi con il sindaco della cittadina della provincia di Rieti. I consiglieri regionali del Lazio del Movimento 5 Stelle, secondo i quali Zingaretti non risponde mai alle loro interrogazioni, hanno allora deciso di interrogarlo, ironicamente, su un tema culinario. Scrivono: «La pasta cacio e pepe è uno dei piatti più cucinati nel territorio laziale e la Regione non ha ancora nominato un dirigente o un osservatorio con funzioni di studio della cacio e pepe.

Il processo di preparazione è una delle cause principali delle liti nelle comunità locali». Questo premesso, ricordano che Zingaretti ha ritenuto giusto intervenire sulla «rilevantissima questione dell’ajo nell’amatriciana» e che il tema ha oscurato «altri importanti problemi del Lazio», interrogano «il presidente della Giunta Regionale, Nicola Zingaretti perché risponda se nella citata “cacio e pepe”, il pepe in questione debba essere bianco o nero». «Sia chiaro - aggiungono i grillini - è solo una provocazione, perché si trascurano i problemi reali del Lazio, come l’affollamento dei pronto soccorso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA