Rieti, violenta lite tra giovanissimi nella movida. Chiamati i carabinieri, uno viene arrestato

Carabinieri
di Raffaella Di Claudio
2 Minuti di Lettura
Domenica 18 Luglio 2021, 13:40

RIETI - È finita con un arresto, una violenta lite tra ragazzi in quello che ormai si è conquistato il titolo di quadrante della movida coresina, nella prima frazione di Fara Sabina. È accaduto nella notte tra venerdì e sabato. Erano circa le 2, tra via Servilia e via Matteotti, dove sono situati i due locali-ritrovo di centinaia di giovani provenienti da Fara Sabina e dai comuni limitrofi. I due protagonisti del fatto di cronaca venivano dal comune di Cantalupo in Sabina. Per ragioni ancora al vaglio degli inquirenti hanno iniziato a discutere fuori dal Circolo di via Servilia, che nonostante l’ora era ancora popolato di gente. I ragazzi hanno cominciato a litigare, ma dalle parole sono presto passati alle mani. Non riuscendo a placare le loro ire, alcune persone presenti fuori dal locale hanno deciso di chiamare il 112.

La dinamica
I due, si sono allontanati fino a spingersi nei pressi dell’altro locale. Ed è qui, fuori dal Caffè Giardino, che è ripresa la violenta lite e solo l’arrivo dei carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto ha potuto fermarla, non senza difficoltà visto che uno dei ragazzi pare fosse anche in uno stato di evidente alterazione alcolica. È stato quest’ultimo, residente come l’altro a Cantalupo, a finire nei guai. Per lui sono scattate le manette e nelle prossime ore dovrà comparire davanti al giudice per rispondere della lite e dei fatti di cui si è reso protagonista. Non è la prima volta che quella zona, punto di riferimento delle serate estive dei giovanissimi, è teatro di schiamazzi e litigi, come testimoniano le lamentele e le decine di segnalazioni dai residenti. L’ultima lite violenta è avvenuta non più tardi di 15 giorni fa, a fine giugno, ed è culminata anche in quella occasione con l’intervento dei carabinieri e l’arresto di un ragazzo del posto che, come in questo caso, aveva dato in escandescenze dopo aver ecceduto con l’a

© RIPRODUZIONE RISERVATA