Rieti, carabinieri: encomi per le operazioni ai militari dell'Arma del Reatino

Venerdì 15 Gennaio 2021
Carabinieri

RIETI - Carabinieri: nel corso di una cerimonia semplice ed essenziale, svoltasi al Comando Provinciale di Rieti, nel pieno rispetto della stringente normativa sul contenimento della pandemia, sono stati consegnati ai Carabinieri che si sono distinti in importanti operazioni di servizio gli Encomi concessi dal Generale di Divisione Marco Minicucci Comandante della Legione Carabinieri Lazio. Prima della consegna delle meritate ricompense, effettuata a cura dei rispettivi Comandanti di Reparto, il Comandante Provinciale si è complimentato con i militari e li ha ringraziati per il quotidiano lavoro svolto in favore della popolazione della provincia. In particolare l’Ufficiale ha sottolineato come l’Arma dei Carabinieri sia molto attenta e rigorosa nell’attribuire le ricompense e come queste costituiscano una forma di giusta “meritocrazia interna” in grado di far percepire ai militari l’attenzione dei diretti superiori ai risultati sostanziali del loro diuturno servizio.

 

Queste le ricompense attribuite:

 

Al Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rieti, Comandato dal Ten. Paolo Bernabei, è stato attribuito un Encomio per il buon esito dell’indagine che, nel mese di giugno 2020, ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale, composto principalmente da cittadini di origine marocchina, dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti all’interno di un’area boschiva in località Magnalardo di Rocca Sinibalda, con l’arresto di 5 persone. Nel corso dell’indagine sono stati sottoposti a sequestro oltre 200 grammi di eroina, quasi 300 grammi di cocaina e 70 grammi di hashish, numerosi telefoni cellulari, bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi, nonché circa euro 5.000 in banconote di vario taglio, provento dell’attività illecita.

 

Cinque Carabinieri del Nucleo Investigativo e uno della Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rieti hanno ricevuto un Encomio per l’indagine che, nell’ottobre 2019, ha consentito di trarre in arresto 4 persone di origine rumena responsabili di ben 12 furti messi a segno nelle province di Rieti, Arezzo e Terni. Ad essere presi di mira erano prevalentemente capannoni aziendali temporaneamente in disuso, dai quali venivano asportati ingentissimi quantitativi di cavi di rame, per un peso di quasi 5 tonnellate, con danni alle imprese superiori a 500.000 euro.

 

Un Encomio è stato attribuito a 5 militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cittaducale, comandato dal Luogotenente Augusto Bianchetti, per l’indagine che, a maggio 2020, ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale responsabile di 14 furti e ricettazione di macchine agricole e veicoli da lavoro, con 4 persone arrestate in flagranza di reato e l’esecuzione di 6 ordinanze di custodia cautelare. Durante le indagini, sono stati recuperati ben 6 autocarri, immediatamente restituiti ai legittimi proprietari, per un valore di circa 400.000 euro (nella foto il Luogotenente Bianchetti riceve la ricompensa dal Cap. Marco Mascolo, Comandante della Compagnia).

 

Encomio Semplice anche per l’Appuntato Scelto Alessandro Bussoletti, addetto alla Stazione di Configni, che, il 2 novembre del 2019 a Narni, libero dal servizio, interveniva per trarre in salvo una donna che stava per suicidarsi lanciandosi da un ponte, riuscendo in tempo ad afferrarla e a portarla in sicurezza.

 

Analoga ricompensa per il Car. Antonio Rosati, addetto alla Stazione di Fiamignano, per aver contribuito, quando era in servizio alla Stazione di Roma Tor Tre Teste, ad una delicata indagine che consentiva, in tempi rapidissimi, di sottoporre a fermo d’indiziato di delitto i responsabili dell’omicidio di un’anziana donna uccisa a scopo di rapina nel maggio del 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA