CORONAVIRUS

Migranti, torna in bilico l'intesa. M5S

Lunedì 11 Maggio 2020
3
Migranti, torna in bilico l'intesa. M5S: «Impensabile condono penale per chi sfrutta il lavoro»

Torna in bilico l'intesa sulle regolarizzazioni dei migranti che lavorano nel settore agricolo. Nel vertice di questa notte era stato siglato un primo compromesso sulla sanatoria tra tutti i partiti della maggioranza sulla norma di cui si discute da giorni: accanto all'istanza del datore di lavoro ci doveva essere, infatti, l'istanza del lavoratore, che otterrà un permesso temporaneo di sei mesi, convertibile in permesso di lavoro alla sottoscrizione del contratto, ma con verifiche più stringenti che provino di aver svolto in passato attività lavorativa nel settore agricolo. Sono due gli scogli su cui il M5s fa infrangere l'accordo di massima raggiunto la scorsa notte, anche con il via libera dei pentastellati, sulla regolarizzazione dei migranti e dei braccianti agricoli, colf e badanti anche italiani. Si tratta della possibile sanatoria penale per i datori di lavoro che regolarizzino chi è in nero e della durata di sei mesi dei permessi di soggiorno temporanei che i migranti possono chiedere per cercare lavoro in Italia. Misure che dovrebbero essere inserite nel decreto rilancio.

LEGGI ANCHE Sanatoria migranti, Giansanti (Confagricoltura): «Nei campi servono altri 200mila braccianti, col Reddito molti preferiscono stare a casa»

Frenata M5S. «Sul tema dei lavoratori stagionali, rimaniamo fortemente contrari rispetto a qualunque intervento che si configuri come una regolarizzazione indiscriminata. Non riteniamo questa una soluzione che possa rispondere alle reali esigenze nostre aziende del settore agroalimentare. Confermiamo il nostro principio di partenza: il permesso di soggiorno deve essere legato ad un contratto di lavoro, non viceversa». Lo scrive in una nota il Movimento 5 Stelle. «Resta poi confermato il nostro fermo 'nò rispetto a qualunque ipotesi di sanatoria sui reati commessi. Non possiamo immaginare che possa farla franca chi si è macchiato di caporalato, di sfruttamento delle persone. Questo significherebbe, tra l'altro, anche prendersi gioco di tutte quelle aziende oneste che invece hanno sempre rispettato le leggi e rispettato i diritti dei lavoratori. Se vogliamo dare un segnale forte e chiaro, dovremmo inasprire le pene e aumentare i controlli».

Bonus vacanze, per le famiglie fino a 500 euro per spostarsi in Italia: come funziona

Per il M5s «è impensabile avallare un accordo che preveda un condono penale» per chi sfrutta il lavoro irregolare nei campi: «sarebbe una strada che non aiuta le imprese e una mancanza di rispetto per le forze dell'ordine che stanno perseguendo questi reati penali». Lo dice il sottosegretario del M5s agli Interni Carlo Sibilia. «Dobbiamo capire qual è il problema che vogliamo risolvere con questo provvedimento: se la questione è risolvere il nodo del caporalato, questa impostazione non la risolve perché è impensabile per noi che si proceda con una cancellazione del reato penale.
 

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 07:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA