Craxi, anche i leghisti Garavaglia e Siri vanno ad Hammamet

Venerdì 17 Gennaio 2020 di Mario Ajello
Craxi, anche i leghisti Garavaglia e Siri vanno ad Hammamet

I 20 anni dalla morte di Bettino Craxi, e tutti ad Hammamet. Con una novità: ci sono i Leghisti in Tunisia a celebrare la memoria del leader socialista. La Lega che, tra il 1992 e il 1994, fece apertamente il tifo per il pool di Mani Pulite e in Parlamento arrivò ad esibire il cappio, con il deputato Luca Leoni d’Orsenigo, il 16 marzo 1993, in piena Tangentopoli. Dai piani alti del Carroccio dicono: “Da noi l’analisi storica su Craxi è in corso da tempo. Non vogliamo scendere nel merito delle inchieste giudiziarie, ma gli riconosciamo comunque il ruolo di statista nell’Italia degli anni Ottanta”. Per Hammamet due  i leghisti in partenza:  l’ex sottosegretario all’Economia, Massimo Garavaglia, e l’ex sottosegretario alle Infrastrutture, Armando Siri. Che da giovanissimo vanta la partecipazione ai giovani socialisti.

Non ci sarà invece Giancarlo Giorgetti, come sembrava in un primo momento. “Ho troppi impegni, siamo in piena campagna elettorale”, dice il leghista. Il quale qualche tempo fa ha però inserito Craxi nel suo personale pantheon politico. Mentre da parte di Salvini sono più volte arrivate parole di elogio al leader socialista per “non aver piegato la testa di fronte agli Usa” a Sigonella. Il “sovranista” Bettino piace retrospettivamente a Salvini. Anche se a Craxi, filo arabo, difficilmente sarebbe piaciuta la Lega che proprio ieri ha celebrato la sua svolta ergendosi a grande amica di Israele.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma