Craxi, ad Hammamet un mare di garofani rossi

Domenica 19 Gennaio 2020 di Mario Ajello
dal nostro inviato
HAMMAMET La cerimonia non è ancora cominciata, ma già sono arrivati i mazzi di garofani. Tanti garofani al cimitero cattolico di Hammamet per l’ultima celebrazione del ventennale della morte di Bettino Craxi. Manca Filippo Panseca, l’artista che inventò il garofano, e fu lo sceneggiatore dei congressi socialisti, ma tutti in attesa dell’inizio della cerimonia parlano del fiore che ha dominato gli anni ruggenti del craxismo e ancora ne accompagna la parabola postuma. I reduci del Psi raccontano intorno alla tomba del leader ad Hammamet. Bettino era ossessionato dal simbolo del partito. La falce e il martello gli sembravano troppo anacronistici. Allora dice all’amico Panseca di pensare a qualcosa. A Filippo viene in mente il garofano rosso, perché era il fiore degli antifascisti, quello dei lavoratori del 1 maggio e così, nel congresso del 1979 a Torino, dietro il palco piazzo un garofano gigante, di 8 metri, con la falce il martello piccoli sotto. Quando vedono il nuovo simbolo, quelli del partito vanno su tutte le furie. Arriva Nerio Nesi e dice a Panseca: “E questo? Chi ti ha dato il permesso?”. Ma a Bettino piaceva e, nel 1984, il garofano diventa il simbolo del Psi e la falce e il martello spariscono del tutto.

Ultimo aggiornamento: 11:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma