Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abramovich, il sushi arriva in jet privato per 40mila sterline: la cena a domicilio da Londra all'Azerbaigian

Abramovich e la cena take away da Londra all'Azerbagan: il sushi arriva in jet privato per 40mila sterline
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Aprile 2022, 18:42

Un sushi take away a 4000 km di distanza può sembrare una follia. Ma non se a ordinarlo è Roman Abramovich. L'oligarca russo nei primi anni dopo l'acquisto del Chelsea infatti ordinò una cena che rimase nella storia, pagando ben 40mila sterline per farsi portare in jet privato i piatti ordinati dal proprio locale preferito di Londra fino alla sua casa in Azerbaigian.

Oggi, a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina il multimiliardario è finito con gli altri oligarchi russi nel mirino delle sanzioni europee e inglesi e ha certo problemi più importanti di cui occuparsi. Certo nessuno può escludere che non decida di farsi portare nuovamente una cena take-away da record dai suoi ristoranti preferiti in Europa, a maggior ragione che ora è impossibilitato ad andare a visitarli personalmente . 

 

Putin, perché gli oligarchi non lo tradiscono? Il fattore paura e i fondi dello zar per fermare la guerra

Abramovich ha chiesto in prestito un milione di dollari ciascuno agli amici di Hollywood (che gli hanno detto di no)

La cena take away da 40mila sterline

Nei primi anni 2000, quando aveva da poco acquistato il Chelsea, Abramovich è presto diventato esperto dei principali ristoranti della capitale inglese. Il suo preferito era Ubon, con sede a Canary Wharf, un ristorante ora chiuso che serviva cibo tradizionale giapponese. Il miliardario apprezzava così tanto i piatti dello chef che, pur risiedendo a Baku, in Azerbagian, decise di farselo consegnare a domicilio a livello internazionale da Londra. 

Uno dei suoi collaboratori fece un ordine dal valore di circa 1.200 sterline, poi - secondo quanto riporta il Sunday Times - i piatti furono cucinati, spediti con una limousine con autista all'aeroporto di Luton e poi caricati sull'aereo, percorrendo più di 2500 miglia attraverso l'Europa prima di giungere in Azerbagian. L'intera operazione, stima il giornale, ebbe un costo di £ 40.000, considerando che il tempo di volo, da Londra a Baku, è di circa cinque ore e mezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA