Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Abramovich sta lavorando sinceramente per porre fine alla guerra»: il retroscena sull'oligarca ai colloqui Russia-Ucraina

Le parole del ministro degli Esteri turco sul lavoro dell'oligarca a Istanbul

«Abramovich sta lavorando sinceramente per porre fine alla guerra»: il retroscena sull'oligarca ai colloqui Russia-Ucraina
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Aprile 2022, 18:58 - Ultimo aggiornamento: 19:10

Roman Abramovich sta lavorando «sinceramente» per porre fine alla guerra, riferiscono le autorità turche. L'oligarca, presente a Istanbul durante l'ultimo round di colloqui tra Russia e Ucraina, sta recitando un ruolo da mediatore importante. Richiesto al tavolo dei negoziati da Kiev, l'ex presidente del Chelsea è probabilmente l'unico vero intermediario tra Putin e Zelensky. Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha detto all'emittente turca A Haber, citata da Reuters, che l'oligarca ha svolto un ruolo di mediazione, lavorando «sinceramente» per porre fine al conflitto.

Oligarchi russi, Oleg Tinkov: «I veri imprenditori russi non vogliono la guerra»

Abramovich "censurato" dai media russi: vietato citarlo nei servizi sulle trattative di pace

Il ruolo di Abramovich nei negoziati

La Turchia si è offerta di mediare nei colloqui tra Kiev e Mosca, poiché ha buoni rapporti con entrambi e per la sua vicinanza al Mar Nero. Ha mostrato sostegno all'Ucraina, ma non sostiene le misure adottate contro la Russia e afferma che gli oligarchi russi sanzionati rimangono i benvenuti nel paese. Lo scorso 3 marzo, proprio durante un round di colloqui, Roman Abramovich ha subìto un sospetto avvelenamento da cloropicrina, interpretato dagli analisti come segno di avvertimento da Mosca.

Nonostante ciò, secondo il presidente Erdogan la sua presenza ai colloqui vuol dire che Putin si fida di lui. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto all'agenzia che, sebbene l'ex proprietario del Chelsea Football Club non faccia ufficialmente parte dei negoziati, è lì per «consentire determinati contatti». «Certo, i colloqui ufficiali sono importanti, i negoziati sono importanti, ma l'opinione pubblica è sensibile, tutti vogliono mantenere la propria posizione e ci sono canali che dovrebbero essere tenuti aperti tra leader e paesi. Qui, Abramovich gioca un ruolo utile», le parole di Cavusoglu.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA