Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abramovich "censurato" dai media russi: vietato citarlo nei servizi sulle trattative di pace

L'ordine è arrivato pochi giorni dopo la notizia del possibile avvelenamento del proprietario del Chelsea

Abramovich "censurato" dai media russi: vietato citarlo nei servizi sulle trattative di pace
3 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2022, 14:38 - Ultimo aggiornamento: 16:04

Roman Abramovich è "innominabile" in Russia. Il suo nome non potrà essere citato dai media statali nella copertura dei negoziati di pace in Ucraina. L'ordine arriva a pochi giorni dalle notizie che vedono coinvolto l'oligarca proprietario del Chelsea di 55 anni, in un sospetto avvelenamento dopo la sua partecipazione ai colloqui di pace tra Russia e Ucraina lo scorso 3 marzo.

Oligarchi russi, Abramovich & Co: chi sono gli "intoccabili" che sfuggono alle sanzioni e perché

Abramovich «avvelenato con cloropicrina». Lo sfogo dell'oligarca con i medici: «Stiamo morendo?»

A dare la notizia è stata la giornalista russa e politica di opposizione Ksenia Sobchak, nel suo canale telegram: «Ai media pro-Cremlino è stato vietato menzionare il ruolo dell'uomo d'affari Roman Abramovich nei negoziati tra Russia e Ucraina», ha affermato nel canale Telegram. Una notizia confermata anche ai giornali inglesi da fonti anonime dell'agenzia Tass che avrebbero affermato che il 30 marzo è arrivato dalle autorità il seguente ordine: «Non menzioniamo più che Abramovich sta partecipando ai negoziati». 

Inoltre il divieto sarebbe confermato dal fatto che non c'è stata una sola menzione del nome di Abramovich nelle agenzie di stampa dopo le 13:00 del 29 marzo.

Abramovich, mediatore ombra nelle trattative

Abramovich - i cui nonni materni erano di Kiev - ha incontrato personalmente Zelensky e Putin e ha partecipato ai colloqui di pace del 30 marzo a Istanbul. La posizione del miliardario ai negoziati non è ancora chiara e c'è chi afferma che stia intervenendo per proteggere i propri interessi economici. A infittire il mistero c'è la questione del suo sospetto avvelenamento durante la sua partecipazione all'incontro di pace in Bielorussia dello scorso 3 marzo. Inoltre recentemente il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto al presidente degli Stati Uniti Joe Biden di non sanzionare Abramovich, ritenendolo utile per la pace per il suo ruolo di intermediario. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA