Patty Pravo ricorda David Bowie: «Fece la scuola dei mimi. Così dominava la scena»

Patty Pravo ricorda David Bowie: «Fece la scuola dei mimi. Così dominava la scena»
di Marco Molendini ​
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Gennaio 2016, 23:51

Non c'è dubbio, il cantante più David Bowie della musica italiana è una donna (a conferma dell’ambiguità che aveva quel personaggio), è Patty Pravo, la prima icona androgina della nostra musica, da sempre legatissima al mondo musicale britannico, oggi signora della musica che sta per andare a Sanremo. «Bowie? Me lo hanno sempre detto che siamo simili, ma io ho fatto la mia vita, come lui ha fatto la sua. Poi ci siamo conosciuti e abbiamo fatto amicizia».

Ci racconta quando vi siete incontrati? «Quando David venne a Roma per registrare la versione italiana di Space Ooddity. Aveva preso in affitto una villa sull’Appia antica con la piscina. Si divertiva a stare a Roma per un po’. Era conla moglie e sono andata alcune volte a trovarli. Il collegamento erano i miei musicisti, che erano inglesi e conoscevano David. Poi ci siamo rivisti anche in Inghilterra. Insomma, siamo rimasti amici».

Che tipo era Bowie? «Squisito, ironico, intelligente, curioso. Gli piaceva parlare di musica. Ma ci divertivamo anche a dire sciocchezze come si fa fra colleghi».

 

Ma esiste un'affinità artistica fra voi due? «Il mio personaggio è stato sempre considerato un po' androgino, forse perché ho poche tette...».

Musicalmente le piaceva? «Soprattutto il primo periodo. Poi ho apprezzato la fase americana, quella di Let's Dance. E, naturalmente, quella tedesca, con Heroes».

Ha insegnato a molti il gusto teatrale nel fare il rock. «Aveva fatto anche la scuola di mimo e sapeva come muoversi in scena. Allora, comunque, era un’epoca in cui era facile truccarsi e inventarsi delle cose. E lui lo ha fatto piuttosto bene».

Sapeva della sua malattia? «No. Avevo visto tempo fa un video in cui aveva la faccia stravolta, sapevo che aveva avuto problemi, ma non che fosse così grave».

Ha voluto tenere nascosta la sua malattia fino all’ultimo. «E penso che abbia fatto bene. È una gran perdita. È un periodo sfortunato per il rock, c'è una vera e propria moria. Bowie era pazzesco. Mi dispiace anche perchè era giovane, praticamente coetanei, anche se ho un anno meno di lui. Ma c’è poco da stare a piangere. Penso che sia meglio dirgli grazie per quello che ha fatto. E, oltretutto, andandosene ci ha lasciato un bel regalo musicale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA