Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«La Russia ha già vinto», dalle miniere ai giacimenti di petrolio: tutte le conquiste (economiche) di Putin in Ucraina

In mano russa anche le miniere di carbone del Donbass, le piattaforme petrolifere del Mar Nero, stabilimenti siderurgici e quattro porti

«La Russia ha già vinto», dalle miniere del Donbass ai giacimenti di petrolio: le enormi conquiste economiche di Putin
3 Minuti di Lettura
Martedì 10 Maggio 2022, 15:09 - Ultimo aggiornamento: 18:04

La Russia non ha ancora ottenuto vittorie militari significative dal punto di vista propagandistico in Ucraina. Pure Mariupol, unica grande città a un passo dalla conquista totale, resiste nelle acciaierie Azovstal. Ma nella sua avanzata, l'esercito russo ha già ottenuto una larghissima porzione delle ricchezze naturali che rendono l'invasione un'operazione che non è errato definire riuscita, almeno dal punto di vista economico.

Nonostante un prezzo altissimo pagato in vite umane e perdite sul campo di battaglia, se Mosca riuscirà a tenersi i territori attualmente occupati, toglierà a Kiev gran parte della sua forza economica. L'esercito di Putin è riuscito a occupare una porzione di terra che va dal Donbass e arriva fino alle porte di Odessa. Secondo alcuni report, adesso in mano russa ci sarebbe l'80% di giacimenti di petrolio e gas presenti in Ucraina e tutte le raffinerie.

In mano russa anche le ricchissime miniere di carbone del Donbass, le piattaforme petrolifere del Mar Nero, diversi campi di grano (l'Ucraina è tra i principali esportatori al mondo), stabilimenti siderurgici a Mariupol e Krivoy Rog e quattro porti. Ma non il più importante, Odessa. Città che resta saldamente in mano ucraina, ma che resta obiettivo fondamentale della Russia. 

Monastero di San Giorgio a Svyatogorsk distrutto da un missile russo nel Donbass

 

L'avanzata russa in Ucraina

La Russia ha invaso l'Ucraina il 24 febbraio, ma le sue forze si sono ritirate dalla capitale Kiev e dalle regioni circostanti alla Bielorussia e alla Russia occidentale all'inizio di aprile. Da allora la Russia ha riorientato i suoi sforzi per prendere il controllo dell'est e del sud dell'Ucraina. Gli sforzi dell'esercito ucraino stanno comunque dando i loro frutti. Le forze russe sembrano essersi bloccate a sud di Izyum e ora si stanno raggruppando, secondo l'Istituto per lo studio della guerra (ISW). Una riuscita controffensiva delle forze ucraine intorno alla città di Kharkiv, a nord-ovest di Izyum, è avanzata verso il confine con la Russia. I russi vorranno impedire loro di raggiungere il confine internazionale e probabilmente rafforzeranno il loro numero di soldati nell'area, riporta l'ISW.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA