Omicron, in Israele contagi in aumento ma dei casi gravi il 75% sono no vax. Francia, booster a 3 mesi dalla seconda dose

L'andamento della variante e le strategie nei diversi Paesi

Omicron, in Israele contagi in aumento ma dei casi gravi il 75% sono no vax. Francia, booster a 3 mesi dalla seconda dose
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Dicembre 2021, 12:16 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 09:33

Salgono ancora i casi in Israele: nelle ultime 24 ore, secondo il ministero della sanità, sono stati 1.482 con un tasso di positività dell'1.4%. Più colpiti i giovani sotto i 20 anni con quasi il 30% delle nuove infezioni a danno delle persone con tre dosi di vaccino. Degli 88 casi gravi, tuttavia, il 75% riguarda persone non vaccinate. Confermata al momento il rinvio dell'introduzione della quarta dose a over 60 e soggetti a rischio che, secondo alcune fonti, sarebbe dovuta partire domenica prossima. Il cosiddetto 'Comitato Helsinki' del ministero della sanità non ha infatti ancora autorizzato la richiesta dell'ospedale Sheba di somministrare il secondo booster, come ha reso noto un portavoce dello stesso nosocomio.

 

 

 

Quarta dose, Israele attende

Israele non ha ancora deciso l'avvio della vaccinazione con la quarta dose per gli over 60 che secondo alcune fonti sarebbe dovuta cominciare domenica prossima. Lo riferisce la tv Canale 13, secondo cui una valutazione in merito sarebbe stata fatta in una riunione tenutasi questa sera, visto che il direttore generale del ministero della sanità Nachman Ash non ha ancora preso un indirizzo definitivo in tal senso. Ash vuole ancora proseguire nelle consultazioni con gli esperti israeliani sulla pericolosità della variante Omicron, per poi arrivare a una conclusione che dovrà essere in seguito convalidata dal governo e dalla Knesset.

 

 

 

Francia riduce distanza booster a 3 mesi

L'Alta Autorità per la Salute (Has) in Francia ha raccomandato di ridurre a tre mesi l'intervallo tra le somministrazioni della seconda e della terza dose del vaccino contro il Covid. È quanto si legge in un avviso pubblico, mentre il Paese è colpito dalla quinta ondata di contagi sulla spinta della variante omicron. Nella stessa nota le autorità sanitarie francesi hanno anche sollecitato la vaccinazione con la terza dose degli adolescenti tra i 12 ed i 17 anni.

 

 

Germania, giù i contagi

Continua in Germania il calo dei nuovi contagi da Coronavirus. Nelle ultime 24 ore si sono registrate 35.431 nuove infezioni, a fronte delle 50.968 di una settimana fa. L'incidenza per 100.000 abitanti su sette giorni è di 265,3 casi contro i 265,8 di ieri, secondo quanto riporta l'Istituto Robert Koch. Il dato era a 331,8 una settimana fa, a 404,5 un mese fa. Nelle ultime 24 ore si sono inoltre registrati altri 370 decessi (437 una settimana fa). Dall'inizio della pandemia, secondo i dati riportati dall'Rki, in Germania si contano 6.959.067 casi confermati di Covid-19 con circa 6.048.000 persone guarite e 110.119 decessi.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA