Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caccia al tesoro: dalle acque delle Bahamas spunta il galeone spagnolo carico di gioielli

Affondò nel 1656 e parte del tesoro potrebbe essere ancora seppellito sotto la sabbia

Caccia al tesoro: dalle acque delle Bahamas spunta il galeone spagnolo carico di gioielli
6 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Agosto 2022, 14:16 - Ultimo aggiornamento: 5 Agosto, 09:20

Nostra Signora delle Meraviglie, il nome originale è in spagnolo Nuestra Señora de las Maravillas, è uno splendido galeone a due ponti armato con 36 cannoni di bronzo, affondato nel lontano 1656. Era l'epoca delle grandi traversate oceaniche, delle scoperte, delle circumnavigazioni. Viaggi, galeoni, esplorazioni fanno rima con tesori sepolti, forzieri ricchi di gioielli e oggetti preziosi che venivano trasportati lungo i mari. Quella del galeone spagnolo Nuestra Señora de las Maravillas è una storia che contiene tutti gli elementi della leggenda. E però, stavolta la storia è vera, non è una leggenda. Dal galeone affondato da 350 anni sono affiorate monete, pietre preziose e gioielli di valore inestimabile appartenuti a cavalieri del mare

Il veliero si scontrò nel 1656 contro un'altra imbarcazione della sua flotta e si schiantò contro una barriera corallina al largo delle Bahamas. Stava trasportando da Cuba a Siviglia, in Spagna, un bottino di tesori, alcuni dei quali erano riservati come tassa reale per il re Filippo IV. La nave, che pesava 891 tonnellate, conteneva più carico del solito, poiché era stata incaricata di trasportare anche il tesoro recuperato da un'altra nave affondata due anni prima.

Il naufragio

La Maravillas seguiva la rotta ben consolidata tra la Spagna e le Americhe. La nave partì dal sud della Spagna il 10 luglio 1654 e raggiunse Cartagena, in Colombia, il 22 agosto 1654. Le flotte attendevano lì la notizia che l'argento proveniente dalla Bolivia e dal Perù aveva raggiunto Portobello a Panama. L'altra nave è la Jesus Maria de la Limpia Concepción dell'Armada dei Mari del Sud che affondò su una barriera corallina al largo dell'Ecuador il 27 ottobre di quell'anno. Così la Maravillas fu costretta a passare l'inverno a Cartagena per evitare gli uragani, raccogliere l'argento recuperato dalla Jesus Maria e attendere un nuovo carico. Ma anche la Maravillas naufragò al largo del Little Bahama Bank il 4 gennaio 1656, dopo lo scontro con la nave ammiraglia Nuestra Señora de la Concepción.  

Il naufragio fu provocato da un errore di navigazione. Verso la mezzanotte del 4 gennaio 1656 - ricostruiscono gli esperti del Museo marittimo delle Bahamas - la nave ammiraglia Nuestra Señora de la Concepción si scontrò con la Maravillas. Le sue assi si ruppero tra la parte superiore della linea di galleggiamento e le stive. In meno di 30 minuti dalla collisione, la Maravillas colpì violentemente una barriera corallina e affondò. Quante persone morirono? La maggior parte delle 650 persone a bordo del galeone si aggrappò ai detriti galleggianti e andò alla deriva, senza essere più vista. Circa 150 si aggrapparono a pezzi del galeone ancora in superficie. La maggior parte morì per l'esposizione durante la notte o fu divorata dagli squali. Solo 45 persone sopravvissero. Si contarono circa 600 dispersi.

La maggior parte del tesoro della Maravillas - circa 3,5 milioni di pezzi - è stata recuperata tra il 1656 e i primi anni Novanta. L'importanza delle Maravillas per Allen Exploration è rappresentata dagli effetti personali degli ufficiali, dell'equipaggio e dei passeggeri che possono essere conservati e che permettono al team di ricostruire la vita quotidiana in mare. Le ceramiche mostrano come l'equipaggio e gli ufficiali mangiavano e conservavano i prodotti alimentari, mentre le fibbie delle scarpe e le pipe da tabacco rivelano come si vestivano e come passavano il tempo.

 


Il relitto che si trova in fondo al mare delle Bahamas non è mai stato recuperato: è impossibile. Nessuna sezione intatta dello scafo è sopravvissuta dopo tutti questi secoli. Una zavorra di pietra definisce il punto in cui lo scafo è affondato. I manufatti sono sparsi lungo una scia di detriti che si estende per oltre 13 chilometri. Si trovano sotto sabbie dense, spesso su barriere coralline morte. Alla Allen Exploration è stata concessa una licenza di indagine nel 2019 e una licenza di scavo nel 2020. I ritrovamenti sono divisi tra il Governo delle Bahamas e questa società Allen che opera in virtù di un accordo governativo sull'isola più settentrionale delle Bahamas, Walker's Cay.  Collaborano con il governo delle Bahamas per la ricerca e la documentazione di relitti storici e della storia marittima delle Bahamas. Allen Exploration ha dimostrato il suo impegno a mantenere la sua collezione unita per il bene pubblico sponsorizzando la costruzione, l'apertura e la gestione del Museo Marittimo delle Bahamas dove il tesoro è conservato. 

Il relitto è stato scoperto poco dopo essere stato inghiottito dal mare e scivolato giù nel fondale. Juan de Somovilla Tejada identificò il relitto come un'ombra scura nelle acque basse. Nel luglio del 1658, i documenti spagnoli mostrano che il relitto era completamente sepolto dalla sabbia. Moltissimi spagnoli, inglesi, francesi, olandesi, bahamiani e americani tentarono in seguito la fortuna sul Little Bahama Bank, apparentemente con scarso successo. 

Il Maravillas fu riscoperto da Robert Marx nel 1972, che ne recuperò i resti. Altri resti sono stati recuperati da Herbert Humphreys tra il 1986 e l'inizio degli anni Novanta. Dove si trova il relitto? Il Maravillas affondò sul lato occidentale del Little Bahama Bank, a oltre 70 chilometri al largo. La Allen Exploration non rilascia pubblicamente informazioni sulla sua posizione per proteggere i resti.

Cosa rimane del galeone: il tesoro

Quali reperti sono stati scoperti da AllenX? Il team ha registrato una zavorra di pietra, elementi di fissaggio in ferro che un tempo tenevano insieme lo scafo e anelli e perni di ferro. In fondo al campo di detriti è stato scoperto un dado ad alette di un astrolabio di navigazione in bronzo. Il resto dell'astrolabio, e molti altri, devono ancora trovarsi sott'acqua. I pasti a bordo delle navi sono testimoniati dalle giare da trasporto spagnole utilizzate per conservare in massa i prodotti alimentari e parti di piatti e pietanze esotiche cinesi e messicane. Sono affiorate monete d'argento e d'oro, gli smeraldi e le ametiste, così come un lingotto d'argento da 75 libbre. Si pensa che siano invii illegali di contrabbando, non autorizzati dalla Corona spagnola. Gli oggetti personali vanno dall'elsa della spada d'argento del soldato Don Martin de Aranda y Gusmán a un anello di perle, due bottiglie di vino in vetro e quattro ciondoli indossati dai cavalieri dell'Ordine di Santiago.

Ma c'è un tesoro ancora nascosto

AllenX sta attualmente esplorando la scia di detriti. C'è un tesoro sul relitto? È una domanda che molti ancora si fanno. Diversi galeoni spagnoli che tornavano in Spagna dalle Americhe erano progettati per essere dei giganteschi forzieri che custodivano le ricchezze del Nuovo Mondo. La Spagna li chiamava Flota de la Plata, flotta d'argento. I galeoni diretti in patria erano destinati a trasportare lingotti e monete d'oro e d'argento. Un quinto del tesoro, il quinto, era destinato alla tassazione reale per il re Filippo IV. E non è detto che parte di quella fortuna brilli ancora sotto la sabbia, ignorata e non vista perché ancora non scoperta. 

(Credits foto e video: Allen Exploration e Bahamas Maritime Museum)

© RIPRODUZIONE RISERVATA