LOCKDOWN

Le ostetriche: «Con il lockdown lieve aumento dei parti in casa»

Sabato 6 Giugno 2020
Con il lockdown lieve aumento dei parti in casa»

«La Giornata internazionale del parto in casa, che ricorre il 6 giugno, coincide quest'anno con un lieve incremento del numero di parti in casa registrato durante il 'lockdown', legato alla pandemia da Covid-19, poiché le donne hanno manifestato il timore di contrarre l'infezione, preferendo la propria casa alla struttura ospedaliera». A segnalarlo sono le ostetriche della Federazione nazionale degli Ordini della professione ostetrica (Fnopo) che fanno il punto in occasione della ricorrenza. «In considerazione dell'emergenza sanitaria e del possibile afflusso di donne Covid-19 positive, nei punti nascita sono stati individuati e definiti percorsi separati (Covid positivo o sporco/pulito o Covid-free) sulla base di un pre-triage realizzato dall'ostetrica provvista degli opportuni dispositivi di protezione. I dati epidemiologici hanno dimostrato che le misure di prevenzione adottati hanno funzionato», evidenziano i vertici della Fnopo.

«Sotto stress e con poche protezioni» il Nursing Up dà voce alle ostetriche a Pescara

Maria, mamma dopo due mesi di gravidanza con il Covid: «Alice sta bene ma non posso abbracciarla»

Coronavirus, le ostetriche: «Facciamo nascere i bambini e rischiamo, ma nel Cura Italia siamo dimenticate»

Va chiarito, aggiungono le esperte, che «vi sono differenze tra il percorso nascita italiano e quello di altri Paesi dove la tradizione del parto a domicilio è strutturata e radicata nel tessuto sociale in modo preciso, tanto da indurre le ostetriche a rivedere, con immediatezza, il proprio modello organizzativo adattandolo alle specifiche esigenze di prevenzione da contagio epidemico». Il parto a domicilio richiede una puntuale selezione del rischio per garantire che donna e bambino ricevano cure adeguate al caso, spiegano. Pertanto, vanno escluse da tale modalità le donne con precedente parto mediante taglio cesareo, in quanto questo caso rientra tra le controindicazioni assolute contenute nelle Linee Guida dell'Istituto superiore di sanità, evidenziano le rappresentanti nazionali della professione ostetrica.

Le donne con gravidanza a basso rischio che scelgono di partorire a casa, raccomandano, «devono affidarsi esclusivamente a personale accreditato per l'assistenza alla nascita e quindi alle ostetriche e non affidarsi invece a persone non qualificate e non specificamente formate. Nell'assistenza al parto a domicilio le ostetriche devono essere almeno due ed essere formate anche per la rianimazione neonatale, come previsto dalla normativa vigente in materia, e con comprovata esperienza di assistenza al parto in casa». Nel Regno Unito, «le linee guida Nice, informate dallo studio Birthplace, sostengono che tutte le donne a basso rischio devono essere informate su benefici e rischi relativi al luogo del parto, incluso parto a domicilio, così da poter scegliere in autonomia dove partorire», evidenzia Lia Brigante, ostetrica Quality & Standards Advisor al Royal College of Midwives. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento