Tumori, 2.000 bambini colpiti ogni anno: crescono le guarigioni, 6 milioni per la ricerca

Venerdì 14 Febbraio 2020
Tumori, 2.000 bambini colpiti ogni anno: Airc stanzia 6 milioni per la ricerca

Sono circa 1.400 i bambini fino ai 14 anni e 800 gli adolescenti tra i 15 e i 19 anni colpiti ogni anno da tumore. Grazie all'impegno di medici e ricercatori oggi circa l'82% dei bimbi e l'86% dei ragazzi è in vita cinque anni dopo la diagnosi. Se negli anni Settanta solo 3 bimbi su 10 sopravvivevano a una diagnosi di tumore, oggi 3 su 4 guariscono completamente. Per alcune forme tumorali - come il linfoma di Hodgkin o la più frequente leucemia linfoblastica acuta - circa il 90% dei piccoli pazienti guarisce o ha una lunga sopravvivenza. Per altri tumori che colpiscono i bambini, spesso molto rari, mancano invece terapie specifiche, messe a punto in base ai risultati di studi dedicati.

LEGGI ANCHE Tumori, più vicina la cura personalizzata: banca dati con l'identikit di tremila profili
LEGGI ANCHE Tumori, Ue all'attacco: tassare alcol e tabacco. Von der Leyen: «Ho visto morire mia sorella»

Migliora l'assistenza per i ragazzi: la percentuale di adolescenti con tumore curati nei centri Aieop (Associazione Italiana Ematologia ed Oncologia Pediatrica) rispetto ai casi attesi in Italia è passata dal 10% nel periodo 1989-2006 al 28% nel periodo 2007-2012 per arrivare infine al 37% tra il 2013 e il 2017, secondo uno studio o sul Journal of Adolescent and Young Adult Oncology. In occasione della Giornata mondiale contro il cancro infantile, che si celebra domani, Fondazione Airc presenta i progetti di ricerca del 2020: 50 e 15 borse di studio, con un investimento di circa 6 milioni di euro e l'obiettivo di sviluppare terapie specifiche sempre più efficaci, personalizzate e meno tossiche. Un'arma promettente è rappresentata dalle CAR-T, ma i ricercatori Airc sono in prima linea anche nello studio dei tumori del sistema nervoso centrale, il 13% delle diagnosi di cancro in bimbi e adolescenti. Mentre al Gemelli prende il via Time2Wind: ragazzi che imparano ad andare in barca a vela, come strumento di ripresa dopo un percorso complesso come quello oncologico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani