Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mihajlovic, che cos'è la leucemia mieloide acuta (Lma), come si manifesta e come si cura

Mihajlovic, che cos'è la leucemia mieloide acuta (Lma), come si manifesta e come si cura
2 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 13:40 - Ultimo aggiornamento: 15:16

Sinisa Mihajlovic, 53 anni, lo sapeva, era stato avvertito dai medici che lo seguono dal luglio 2019. Il rischio di recidiva è cosnistente nella leucemia mieloide acuta (Lma), malattia che si sviluppa nel midollo osseo e progredisce velocemente. Proprio per la velocità di progressione è detta acuta.

"Il midollo osseo - si legge nel sito dell'Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) - è un tessuto spugnoso contenuto all'interno delle ossa lunghe e di alcune ossa piatte, dove hanno origine le cellule immature, dette anche cellule staminali o blasti, da cui si sviluppano le cellule che costituiscono la parte corpuscolata del sangue (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine). Se nel percorso che porta le cellule staminali a diventare “adulte” subentrano errori e mutazioni, e i precursori dei granulociti vanno incontro a una trasformazione in senso tumorale, si origina la Lma".

Cause e sintomi

Tra le cause viene citato il fumo, tre i sintomi i dolori muscolari, alle ossa e alle articolazioni, senso di malessere generale e perdita di peso

Secondo l'Associazione italiana registri rumori (Airtum) si registrano circa 2.000 nuovi casi di leucemia mieloide acuta ogni anno in Italia: 1.200 tra gli uomini e 900 tra le donne.

La malattia è più comune negli uomini che nelle donne e negli adulti con più di 60 anni. È poco frequente prima dei 45 anni e nel nostro Paese rappresenta il 13 per cento delle leucemie tra i bambini fino ai 14 anni.

Le cure

Dopo le chemioterapie si può procedere al trapianto (anche autotrapianto) di cellule staminali ematopoietiche, in grado di generare le cellule del sangue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA