ROMA

Scatenò il panico durante la festa del patrono a Cisterna, "Daspo Willy" per un ragazzo di 26 anni

Mercoledì 17 Marzo 2021 di Daniele Ronci
Commissariato di Polizia in via Benedetto Croce a Cisterna

Daspo per il 26enne di Cisterna che durante la festa del santo patrono nell'estate del 2019 aveva creato il panico per le vie della centro fino a che non è stato arrestato dagli agenti del Commissariato di Cisterna diretti dal vice questore dottor Riccardo De Sanctis. Un provvedimento di divieto di accesso agli esercizi pubblici ed ai locali di pubblico trattenimento emesso dal Questore della provincia di Latina in virtù del "Decreto Willy", così chiamato in memoria della vittima del pestaggio avvenuto all'uscita di una discoteca nella provincia di Roma.

Il 17 agosto 2019, C.D. cittadino italiano di anni 26 e domiciliato a Cisterna di Latina, era stato arrestato dai poliziotti del Commissariato di Cisterna di Latina nella flagranza del reato di rapina aggravata, lesioni aggravate, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e violazione alla disciplina sulle armi. Nella circostanza il predetto si era reso responsabile di gravi disordini durante lo svolgimento della festa patronale, creando turbative sia all’interno che all’esterno di alcuni locali pubblici ed alla presenza di altri avventori, commesse anche con l’utilizzo di un coltello che aveva prelevato in una gelateria. Il medesimo, nell’occorso, aggrediva anche con calci e pugni il personale di Polizia intervenuto sul luogo dei fatti, provocando loro lesioni personali prima di venire tratto in arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA