Sfonda il cancello di casa della ex con l'auto, arrestato dai carabinieri

Domenica 23 Agosto 2020
La caserma carabinieri di Campoverde

Sfonda con l’auto il cancello di casa della ex, a Campoverde: un 38enne di Aprilia è stato arrestato in flagranza di reato ieri attorno alle 12  dai Carabinieri della borgata. 
L’uomo, che dallo scorso 8 agosto aveva reso impossibile la vita alla sua ex compagna – una 37enne anche lei di Aprilia – con molestie, manacce e violenze, deve ora rispondere delle accuse di atti persecutori, danneggiamento e  porto di armi e oggetti atti ad offendere. In suo possesso, infatti, al momento dell’arresto, i militari hanno trovato anche un coltello da cucina lungo 30 centimetri. Il 38enne, ora, si trova recluso nel carcere di Regina Coeli, a Roma. 
L’uomo proprio ieri si è presentato presso l’abitazione della 37enne, non aveva buone intenzioni. Ha iniziato ad urlare, a minacciarla. Poi ha dato il peggio di sé. E’ salito sulla sua auto e ha spinto il piede sull’acceleratore prendendo di mira il cancello della villetta della ex. Voleva entrare a tutti i costi, parlare con lei a tutti i costi. Senza rispetto, senza scrupoli e senza senno. Così l’auto si è schiantata contro il cancello dell’abitazione di Campoverde e l’ha letteralmente sfondato. L’inferriata si è abbattuta al suolo, mentre la 37enne – nel panico e temendo il peggio - ha subito chiesto aiuto ai militari. 

Vedi anche > La ex vuole denunciarlo per stalking, lui tenta di investirla davanti ai carabinieri

Grazie all’intervento dei carabinieri si è evitata una tragedia. L’uomo è stato subito arrestato.

Sono sempre più diffusi episodi del genere ad Aprilia. Si è perso il conto dall’inizio dell’anno. 
I Servizi Sociali che si occupano di donne vittime di violenza hanno riscontrato – durante il lockdown – un incremento di episodi di aggressioni, botte, minacce e soprusi da parte di mariti nei confronti delle loro compagne. Negli ultimi mesi oltre 10 donne hanno chiesto aiuto alla rete antiviolenza. Sono state tutte prese in carico dal centro che ha sede presso l’ex Claudia e inserite in un programma che possa portarle via dalle mura domestiche, offrendo loro protezione e un’opportunità per ripartire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA