Sara Sforza, il magrebino che l'ha travolta non aveva la patente: oggi i funerali

Domenica 5 Gennaio 2020 di Manlio Biancone
Sara Sforza, il magrebino che l'ha travolta non aveva la patente: oggi i funerali

Oggi pomeriggio alle 15,30 nella chiesa di San Giuseppe ad Aielli Stazione, si terranno i funerali della giovane 23enne, Sara Sforza, morta nel tragico incidente avvenuto sulla Tiburtina. Ieri, l'anatomopatologo Simona Ricci ha eseguito l'esame autoptico sul corpo della giovane come richiesto dal Procuratore di Avezzano, Andrea Padalino, che coordina le indagini per ricostruire la dinamica dell'incidente. La morte sarebbe stata causata da una emorragia interna e forse dalla rottura dell'aorta addominale. L'Alfa 159 ha invaso, durante un sorpasso, l'altra corsia e ha impattato con violenza la Renault Twingo condotta da Sara. Per la giovane non c'è stato scampo è morta sul colpo mentre il fidanzato Alessio, 31 anni, si è salvato per miracolo. E' ancora sotto shock all'ospedale di Avezzano, operato per le fratture multiple riportate.

Incidente in Abruzzo, Sara muore a 24 anni: schianto con un'auto guidata da un ubriaco

Il magrebino, Jarrar Ayoub, 25enne, indagato per omicidio stradale, per aver causato la morte della giovane Sara, è invece ricoverato nel reparto di neurochirurgia dell'ospedale dell'Aquila. Lo straniero è stato trovato positivo ai test di alcol e droga: aveva nel sangue un tasso di cocaina e di alcolici molto al di sopra dei limiti di legge. Tra l'altro il magrebino non doveva stare in Italia perché raggiunto da un decreto di espulsione dopo una condanna per traffico di sostanze stupefacenti, non era in possesso neppure della patente di guida regolare. Disponeva infatti solo di quella marocchina che non era stata regolarizzata in quanto non ancora in possesso del permesso di soggiorno.
Il sindaco di Aielli, Enzo Di Natale, in serata, ha diramato una nota, con la quale precisa «Come segno di cordoglio e di vicinanza di tutti gli aiellesi, con ordinanza sindacale, ho proclamato il lutto cittadino. Per la nostra comunità sarà giornata di dolore immenso. Mi auguro che sia un momento di condivisione del lutto e di rispetto nei confronti della famiglia che ha espressamente richiesto riservatezza e discrezione per il giorno delle esequie».

Incidente a Brunico, auto travolge turisti: 6 ventenni morti e 11 feriti. Guidatore ubriaco
 

 

Ieri mattina, i carabinieri sono tornati sul luogo dell'incidente e hanno sentito anche alcuni testimoni per riferire al magistrato inquirente che nei prossimi giorni deciderà se richiedere un provvedimento cautelare. Intanto la petizione sul web Giustizia per Sara rivolta al Ministro della Giustizia, ha raggiunto le seimila firme. A Celano, dove risiedono molti parenti della vittima si è creata tensione per la decisione adottata dalla Procura di non arrestare il giovane marocchino. Sulla vicenda ieri sono intervenuti, il coordinatore della Lega Abruzzo, Luigi D'Eramo: «L'assurda morte di Sara merita risposte ferme e immediate da parte dello Stato», e l'assessore regionale Guido Liris: «Colui che ha procurato il danno e la morte di Sara non deve essere fermato e incarcerato perché marocchino e straniero, ma semplicemente perché è colpevole».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani