Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Samara challenge, il gioco finisce male: ragazzina travestita picchiata da un gruppo di giovani

Samara challenge, il gioco finisce male: ragazzina travestita picchiata da un gruppo di giovani
di Nazareno Dinoi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Settembre 2019, 11:59 - Ultimo aggiornamento: 17:24

E’ arrivato anche a Taranto lo scherzo «Samara Challenge», l’inquietante figura che si aggira di sera con una veste bianca e una lunga parrucca nera che copre il volto. E come sta succedendo in altre parti d’Italia, anche qui è scattata la violenza di chi non ha preso bene lo scherzo aggredendo la «Samara» nostrana che se l’è vista brutta. 

Samara Challenge, traveste la figlia da bimba indemoniata e la ragazzina rischia il linciaggio

La scena ripresa dal telefonino e postata sui social, è avvenuta ieri sera nel quartiere periferico «Tramontone» di Taranto dove il gioco goliardico si è concluso nel modo peggiore. La ragazza che incarnava la bambina fantasma è stata inseguita e picchiata da un gruppo di giovani che evidentemente non hanno gradito la goliardia. Ieri a Taranto e questa notte, secondo il tam tam che sta girando sui social, «Samara Challenge» apparirà al cimitero di Montemesola. 




«Samara Challenge» è un gioco goliardico quanto pericoloso, partito in alcune zone dell’hinterland napoletano, ma che sta diffondendosi rapidamente in diverse città del Sud, dalla Sicilia fino a Roma. Consiste nel travestirsi dal personaggio protagonista del film “The Ring” che racconta la storia di una bambina, Samara Morgan, dotata di poteri paranormali e nata da una donna violentata da un prete, ndr) e spaventare le persone in strada, spesso anche con un coltellaccio finto, prima di scappare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA