SAMARA CHALLENGE

Daniele De Martino, bufera per il video del cantante neomelodico girato con ​pistole e kalashnikov

Martedì 12 Novembre 2019
Daniele De Martino, bufera per il video del cantante neomelodico girato con ​pistole e kalashnikov

Daniele De Martino, il cantante neomelodico 22 enne originario di Palermo, ha girato il video del suo ultimo brano a Bari senza autorizzazioni, con la partecipazione di 400 persone. Nelle immagini si vedono ragazzi che impugnano pistole e kalashnikov, così come fa lo stesso cantante che si mette alla testa di un corteo di moto di grossa cilindrata guidate da centauri senza casco che si lanciano all'inseguimento di una rapinatrice travestita da Samara, la bimba del film horror 'The ring', che dà il titolo alla canzone. La notizia è riportata in un articolo di Repubblica in cui si precisa che sulla vicenda sono in corso accertamenti di polizia e carabinieri. Del caso si è occupata anche la Gazzetta del Mezzogiorno.

Rapper neomelodico alla sagra, sindaco insorge: «Canta la mafia, non do un centesimo»


Repubblica riporta le dichiarazioni del sindaco Antonio Decaro. Il primo cittadino, sottolineando che per le riprese «non è stato chiesto il permesso a nessuno», parla di un «abuso». E aggiunge che «non mi piacciono le pistole impugnate da ragazzi» e «non mi piace che il messaggio sia di esaltazione approvazione della violenza criminale». A Decaro, inoltre, «non piace che il signor De Martino abbia girato il video in un quartiere, il San Paolo, che da tempo sta lottando per affrancarsi da quegli stereotipi che gli hanno impedito di crescere». A ottobre De Martino, siciliano che canta in napoletano, è stato al centro di polemiche ad Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, dov'era stato invitato a cantare durante la sagra della cipolla, un evento al quale il sindaco Davide Carlucci aveva negato il patrocinio del Comune, ritenendo pericolosi i messaggi dei testi di De Martino.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani