CORONAVIRUS

Positiva al virus affitta un'ambulanza privata per raggiungere Siena da Bergamo: denunciata

Venerdì 3 Aprile 2020

In ambulanza privata si sposta da Bergamo a Siena. Una donna, positiva al coronavirus, ha affittato un'ambulanza privata e, insieme alla sorella domiciliata a Siena, si è fatta accompagnare da Bergamo all'ospedale senese Le Scotte. All'arrivo le donne sono state ricoverate ma per entrambe si profila una denuncia. È quanto riferisce la stessa Azienda ospedaliero universitaria senese.

Viterbo, 200 persone rinchiuse a Villa Immacolata in attesa dei risultati dei tamponi

Covid-19, il dramma di Fiordaliso: «Morta mia madre, io e papà ce l'abbiamo fatta»

Coronavirus, una viterbese dall'inferno di Madrid: «Così conviviamo con la paura»

Le sorelle hanno raccontato di aver assistito a Bergamo i genitori, deceduti alcuni giorni fa a causa del Covid-19. Accompagnate da un autista, all'arrivo al pronto soccorso, sono state prese in carico dai medici ma l'Aou ha dato mandato al proprio ufficio legale di sporgere denuncia. «É una storia che ci ha lasciati increduli - ha detto Valtere Giovannini, direttore generale dell'Aou senese - non solo per come è avvenuta ma anche perché non è accettabile che una persona positiva al coronavirus sia riuscita ad affittare un' ambulanza privata e a farsi portare in un'altra regione senza alcun lasciapassare sanitario».

«Le donne - spiega l'Azienda ospedaliera - hanno annunciato la loro venuta, contestualmente alla notizia di positività certa di una delle due, quando erano a pochi chilometri dall'ingresso del Pronto soccorso, contattando il 118». La donna positiva è stata immediatamente ricoverata nel padiglione Covid, la sorella è stata sottoposta agli accertamenti ed è stata ricoverata anche lei in via precauzionale. «Comprendiamo la drammaticità della situazione - conclude Giovannini - ma non si può mettere a rischio la salute degli altri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani