Castelli Romani, morte altre due anziane: centinaia i tamponi a domicilio e in case di riposo

Castelli Romani, continuano ad aumentare i casi di covid19 nel territorio della provincia di Roma, centinaia anche i tamponi eseguiti dal camper della Asl Roma 6 a domicilio, nelle case di cura e nei centri riabilitativi per anziani e disabili dove si sono verificati diversi casi. Questa mattina una ambulanza di biocontenimento chiamata dal sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, alla presenza delle forze dell'ordine,  ha trasportato in una struttura ricettiva a Roma una donna afgana risultata positiva insieme al compagno al contagio di coronavirus, dove si trova da alcuni giorni anche l'altro cittadino afgano contagiato.

Coronavirus, l'Italia riaprirà gradualmente: ecco il piano, test rapidi e «patente dei guariti»

Intanto i comuni stanno facendo sanificare le strutture pubbliche, gli stessi palazzi comunali, scuole e uffici pubblici. Anche oggi il camper dei tamponi a domicilio è in giro tra Lanuvio, Marino, Frascati, Grottaferrata, Genzano e Velletri, per eseguire numerosi test tamponi a domicilio e in alcune strutture per anziani e disabili. Nella giornata di ieri sono stati comunicati dall'assessorato regionale alla sanità due pazienti deceduti, sono una anziana signora di Albano, ricoverata all'Umberto Primo e un 73enne di Pomezia, che era ricoverato allo Spallanzani. Intanto continuano le donazioni di cibo e materiale di protezione ai medici e infermieri di pronto soccorso di Anzio, Frascati, Velletri e Ariccia, da parte di privati cittadini, associazioni, protezione civile, commercianti e banche del territorio. Continuano anche i controlli delle forze dll'ordine, ieri la polizia stradale di Albano ha sanzionato un romano 55enne che era salito su un bus del cotral per raggiungere i Castelli Romani per fare la spesa, mentre la polizia locale a Pavona ha denunciato una giovane donna badante, cittadina albanese che girava in auto con una anziana disabile, senza motivo. 
(foto Sciurba)

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani