Coyote aggredisce bimbo di 2 anni: il papà affronta l'animale a mani nude e lo strozza

Martedì 21 Gennaio 2020 di Federica Macagnone
Coyote aggredisce bimbo di 2 anni: il papà affronta l'animale a mani nude e lo strozza

Quando ha intuito che la sua famiglia era in pericolo, Ian O'Reilly, un genitore del New Hampshire, negli Usa, ha capito che non aveva più scelta: doveva liberarsi di quel coyote che aveva aggredito il suo piccolo di 2 anni durante una gita. E così ha fatto: ha preso tutto il coraggio che aveva in corpo e ha strangolato l’animale a mani nude.

Uno squalo nuota tra le case: la foto dall'Australia è virale

Paura di volare? In aeroporto arrivano i cani antistress

Ian era con la moglie e i suoi tre figli: stavano facendo un’escursione in un bosco quando l’animale si è avvicinato al loro bimbo di 2 anni, ha infilato i denti nella sua giacca e lo ha trascinato a terra. I genitori sono riusciti a liberarlo, ma hanno anche capito che difficilmente sarebbero riusciti a liberarsi della bestia. L’uomo ha tentato di scacciarlo, ma il coyote non voleva saperne di lasciarli in pace: quando Ian gli ha dato un calcio, l’animale ha risposto mordendolo al petto e al braccio.
 
«Non avevo molto tempo per pensare - ha detto Ian - Mi sono lasciato trasportare dall’istinto. Abbiamo cercato di liberarci di lui, ma senza risultato». Ian ha afferrato l’animale per il collo e lo ha strangolato. L'incidente è avvenuto nello stesso giorno in cui la polizia aveva lanciato l’allarme segnalando un coyote che aveva attaccato e morso una donna di 62 anni e i suoi due cani sul porticato della loro casa. Gli agenti hanno confermato che si trattava dello stesso animale che aveva aggredito la famigliola.
 
Il coyote è stato sottoposto a vari esami per verificare se avesse la rabbia. Intanto sia la donna che Ian sono stati trasportati in ospedale, dove sono stati curati e sottoposti a tutti gli accertamenti per verificare se fossero stati infettati dal virus.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua