Esproprio per fermare l'ampliamento della discarica, la Mad vince il ricorso contro il Comune

Lunedì 27 Gennaio 2020
Isola ecologica comunale nell'area destinata all'ampliamento della discarica di Roccasecca: il Tar dice no. La sentenza con la quale è stato accolto il ricorso cautelare presentato dalla Mad, la società che gestisce la discarica di Cerreto, per la sospensione di tutti gli atti approvati dal comune di Roccasecca, è stata depositata nelle scorse ore dopo l'udienza del 15 gennaio.

La vicenda terminata in queste ore dinanzi al Tar di Latina risale al mese di novembre scorso, quando il consiglio comunale di Roccasecca ha dato il via libera a un atto di esproprio dell'area indicata dalla Mad per l'ampliamento della discarica con il «quinto bacino». Nel consiglio comunale di metà novembre era stato approvato prima lo schema del progetto di raccolta degli ingombranti; poi, di conseguenza, l'atto di esproprio per «pubblica utilità».

Nell'atto di esproprio, in particolare, il consiglio comunale ha dichiarato l'imminente «esigenza di agire nell'interesse della collettività » indicando la zona idonea alla nascita dell'isola ecologica dove raccogliere i rifiuti ingombranti. La società, rappresentata dall'avvocato Marco Pizzutelli, ha così impugnato dinanzi al Tar gli atti. La «Mad» in uno dei motivi del ricorso, ha puntato l'indice contro le deliberazioni del consiglio comunale lamentando l'eccesso di potere per sviamento.
Ma non solo. «Le azioni del Comune di Roccasecca - è stato sostenuto nel ricorso- risponderebbero a una logica oppositiva preconcetta nei confronti dell'attività di smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi esercitata da Mad».

Per la Mad, dunque, il progetto di eco-isola è solo un pretesto per bloccare la discarica. Ma il sindaco di Roccasecca Giuseppe Sacco si è detto comunque soddisfatto della sentenza. «Con ogni probabilità - ha dichiarato il sindaco- non appelleremo la decisione del Tar perché ha annullato il progetto dell'isola ecologica, ma ha fatto salva la presenza di una strada nella zona è ciò rappresenta un serio problema per la realizzazione del quinto bacino». Su questo aspetto il Tar ha dichiarato il difetto di giurisdizione, vale a dire che la questione dovrà essere affrontata, eventualmente, da un Tribunale ordinario. Per ora, tuttavia, nella zona non nascerà l'isola ecologica e il Comune è stato anche condannato a pagare 3 mila e 500 euro per spese legali. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma