CORONAVIRUS

Covid a scuola, lo studente di Ferentino gioca anche nelle giovanili del Frosinone calcio: «Sospese tutte le attività»

Mercoledì 23 Settembre 2020 di Vincenzo Caramadre e Emiliano Papillo

Secondo caso di Covid in un istituto scolastico della Ciociaria: si tratta di uno studente dell’Istituto Tecnico Economico (Ite), “Lolli Ghetti” di Ferentino. Il ragazzo ha 16 anni e gioca nelle giovanili del Frosinone calcio.

Sono subito scattate le misure di quarantena previste e con essa i tamponi per tutta la classe e per gli insegnanti, i familiari e tutti coloro che sono stati a contatto con il ragazzo. Lo stop alle lezioni è scattato solo per la classe frequentata dal ragazzo che sta bene ed è asintomatico. Per gli altri l’attività scolastica proseguirà regolarmente.

Il caso di Covid-19 è stato comunicato anche all’amministrazione provinciale di Frosinone, competente della manutenzione delle scuole superiori, che, in collaborazione con la dirigenza, provvederà immediatamente alla sanificazione della classe frequentata dal ragazzo ed altri locali.

Anche il Frosinone calcio, in una nota stampa, fa sapere che «d’intesa con l’azienda sanitaria locale, di aver già attuato tutte le misure previste a tutela della salute dei propri tesserati, a cominciare dalla sospensione cautelare delle attività delle formazioni giovanili».

Il caso come confermato anche dal comune di Ferentino è isolato e non ci sono criticità in città. Le autorità comunali hanno ribadito alla cittadinanza, in particolare agli studenti, di tenere comportamenti adeguati e il massimo rispetto del protocollo anticovid.

Buone notizie sono giunte ieri da Ceprano, dove nella giornata di lunedì c’è stato un bambino positivo alla scuola dell’Infanzia di Colle Tassetano. Il bambino è in isolamento domiciliare, ma per fortuna i tamponi eseguiti a 14 compagni di classe e a 3 maestre sono risultati negativi. Per il momento, tuttavia, la classe interessata al caso di Covid rimarrà chiusa e i bambini resteranno a casa per 14 giorni.

La pandemia non molla la presa in Ciociaria, nella giornata di ieri ci sono stati altri 9 casi. I territori interessati sono: Sora (5 casi), Colfelice (1 caso), Cassino (1 caso), Arpino (1 caso) e Ausonia (1 caso). A livello regionale nella giornata di ieri ci sono stati 9 mila tamponi, al termine dei quali sono stati registrai 238 casi di questi 141 sono a Roma e quattro i decessi. «Numeri che non ci consentono di abbassare la guardia come diciamo da giorni. C’è una ripresa, anche se in un quadro completamente diverso: oggi prevalgono gli asintomatici e i cluster famigliari. Al momento non abbiamo situazioni di sofferenza nella rete, ma dobbiamo necessariamente mantenere alta l’attenzione», è stata la dichiarazione dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Ultimo aggiornamento: 15:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA