Tronchetti Provera e i social media pericolo per la democrazia: «Rischi da contatto diretto tra politica e pancia dei cittadini»

Mercoledì 12 Giugno 2019

Nel suo intervento all'evento del Messaggero "Obbligati a crescere - Strategie per l'Italia", Marco Tronchetti Provera parla della guerra dei dazi Usa-Cina, del nostro Paese per cui servono «progetti su investimenti e crescita», della Tav e dei mini-Bot che «fanno ridere». Ma l'amministratore delegato del gruppo Pirelli tocca anche un tema apparentemebte laterale eppure di enorme rilievo nella politica di oggi: quello dell'uso che la politica stessa fa dei social media. 

L'argomento è il cuore di una riflessione lanciata sulle pagine del Messaggero da Francesco Gaetano Caltagirone e sostenuta dai risultati del progetto Nudging e Oltre finanziato dall'Associazione Amici della Luiss e recentemente discusso al convegno, tenutosi alla Luiss di Roma, dal titolo “Cybersecurity e social media: i riflessi sulle istituzioni pubbliche e private”.

L'Europa, ha sottolineato Tronchetti Provera, «deve darsi un progetto, così che i cittadini si riconoscano in essa e non più nelle promesse fasulle fatte tutti i giorni sui social media». Perché i social media hanno creato un pericolo: «Il contatto diretto tra politica e pancia dei cittadini».

Leggi anche:

Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 11:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma