Spunta la tassa sull'ombra dei balconi: la manovra cambia le norme dal 2021. Il Mef: problema non esiste

Sabato 18 Gennaio 2020
6
Spunta la tassa sull'ombra dei balconi: la legge di bilancio cambia le norme dal 2021

Spunta la tassa sull'ombra dei balconi. L'allarme arriva dallo studio Tremonti che ricorda come, in mancanza di modifiche alla manovra da poco varata, si rischia che il nuovo prelievo scatti a partire dal prossimo anno. L'ultima legge di Bilancio - fa notare l'avvocato Giuseppe Pizzonia dello Studio Tremonti Romagnoli Piccardi e Associati - ha cambiato la normativa sul canone che si paga per l'occupazione del suolo pubblico. Le novità partiranno dal 2021 e con la loro entrata in vigore si rischia di pagare una 'tassa sull'ombra' di balconi e verande. Dal Mef frenano: «Il problema non esiste. Il nuovo canone sostituisce tosap e Consap derivando dagli stessi i presupposti impositivi. Ergo puo' colpire solo le fattispecie gia' gravate da tosap e cosap, tra le quali non e' compresa l'occupazione tramite balconi e verande».

LEGGI ANCHE Taglio tasse, gli aumenti: 100 euro tondi in più solo tra 26 e 28 mila euro

Già oggi la tassa si applica sul cosiddetto 'soprasuolò ma prima era prevista espressamente l'esclusione per balconi e verande, ora saltata. Insomma una «differenza non di poco conto», dice l'avvocato Pizzonia. «La legge di bilancio 2020, contiene tra le altre cose - spiega il tributarista - la revisione dei tributi locali relativi alla occupazione di suolo pubblico ed alla pubblicità. Dal 2021, tutto questo sarà sostituito da un nuovo prelievo, denominato Canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria. Gli enti locali dovranno emanare appositi regolamenti per disciplinare in dettaglio - entro i limiti stabiliti dalla legge - l'applicazione del nuovo canone».

Per occupare suolo pubblico, ma anche per esporre un'insegna, i cittadini - ad esempio per un'impalcatura che potrebbe servire a ristrutturate la facciata dei palazzi, ora che c'è un apposito bonus facciate - e i titolari delle attività che utilizzano spazi pubblici dovranno chiedere apposita concessione o autorizzazione all'occupazione o alla diffusione di messaggi pubblicitari, e pagare contestualmente il relativo canone. In questo caso le norme prevedono anche sanzioni pesanti, con multe e rimozione delle occupazioni e pubblicità abusive. Per ora non ci sono problemi, ma il diavolo sta nei dettagli e nel 2021 si palesa il nuovo rischio che sollecita.

«Le regole di riferimento del nuovo canone non si differenziano sostanzialmente da quelle ancora in vigore per tutto il 2020. - afferma l'avvocato Pizzonia - Emerge però una differenza non di poco conto. Il nuovo canone, come il vecchio del resto, si applica anche alle cosiddette occupazioni del soprasuolo, cioè sull'ombra che i manufatti privati proiettano sul suolo pubblico. Se non che, ed è qui la novità, nelle nuove disposizioni non è stata riprodotta l'esclusione dal pagamento per l'ombra proiettata da balconi, verande e simili, fino ad oggi espressamente prevista dalla legge». La conclusione, per il tributarista, è chiara: «Ne dovrebbe conseguire che, a meno di interventi correttivi, dal 2021 i comuni potranno tassare con il nuovo canone anche l'ombra che balconi, verande e simili proiettano su suolo pubblico».

 

Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma