Pecorino romano: prezzi in calo, l'export a picco

Giovedì 14 Febbraio 2019
Assolatte lancia l'Sos per il comparto ovi-caprino. «La situazione - sottolinea l'Associazione italiana lattiero casearia - è davvero preoccupante: momenti difficilissimi, dovuti ad una serie di cause concomitanti. Durante la campagna 2017-2018, la produzione di latte di pecora ha avuto un notevole incremento (più 10-15%).
Lo stesso ha fatto quella di Pecorino Romano, preincipale destinazione del latte sardo, aumentata del 24%. Mentre i consumi interni diminuiscono, anche le esportazioni, motore del settore, sono andate a picco. Soprattutto quello verso il mercato nord americano, dove il calo dell'export ha raggiunto il 44%.
«Una polveriera, la cui miccia ha bruciato per settimane, senza che nessuno muovesse un dito - lamenta Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte  - il settore è in crisi. Vanno trovate risorse per gli allevatori>. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma