CORONAVIRUS

Viterbo, due fratellini di 6 e 8 anni contagiati. Il sindaco: «Condizioni sono buone»

Giovedì 9 Aprile 2020
Il blocco D di Belcolle
Ci sono anche due fratellini di 6 e 8 anni tra gli ultimi contagiati dal Covid-19 nel Viterbese. I piccoli vivono con i genitori a Piansano, dove la famiglia si è trasferita qualche anno fa e lì frequentano la scuola primaria. La prima ad aver contratto il coronavirus è stata la madre, di professione infermiera all’ospedale di Civitavecchia.

La donna ha iniziato a manifestare i primi sintomi influenzali compatibili con il contagio a marzo: dal 10 si era messa in quarantena volontaria a titolo precauzionale. “E proprio questa precauzione – commenta ora il sindaco Roseo Melaragni – probabilmente è stata cruciale nell’evitare che il virus si diffondesse al di fuori del nucleo familiare”.

Fatto sta che, tempo pochi giorni, l’operatrice sanitaria è stata sottoposta al tampone che poi è risultato positivo. Il marito, vigile del fuoco a Civitavecchia, inizialmente era asintomatico. Poi, anche lui ha iniziato a stare male tanto da rendere necessario un test: pure per lui stesso responso della moglie. Infine, lunedì mattina sui figli è stato effettuato lo screening da parte degli esperti del Toc, Team operativo coronavirus della Asl di Viterbo, perché manifestavano febbre alta.

Nel frattempo, nel pomeriggio a scopo precauzionale i piccoli insieme alla madre sono stati ricoverati all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Qui i tre resteranno ricoverati fino a completa guarigione, certificata da un doppio tampone negativo. “Le loro condizioni sono buone. Gli auguriamo una pronta guarigione”, afferma Melaragni.

Con i due minori di Piansano e il doppio caso di Tuscania, dove parrebbe essersi aperto un nuovo cluster, salgono a 324 i contagiati dall’inizio dell’epidemia. Inoltre, si conferma imponente il numero di tamponi sinora eseguito nel Viterbese: la Asl ha effettuato il test su 3.038 persone in poco più di un mese. Proprio sul fronte dei referti, sono attesi per oggi quelli su alcuni pazienti e operatori di Villa Noemi, la casa di riposo per anziani, a Celleno. Controlli che si sono resi necessari dopo che alcuni anziani hanno manifestato sintomi influenzali. 

Continua a crescere il numero dei guariti, arrivato a quota 10 con 3 new entry ieri: 2 cittadini di Viterbo e uno di Orte, il primo della cittadina a tornare a casa. Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 10:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA