Boxe, il campione del mondo Wilder sfida Joshua: «Smettila di nasconderti, combattiamo»

EMBED
Il sogno di Deontay Wilder è noto a tutti i seguaci della boxe, anche perché il campione del mondo Wbc dei pesi massimi non lo ha mai nascosto: sfidare il campione WBA, WBO, IBO, IBF e WBO, la superstar britannica Anthony Joshua, per poter così unificare i titoli. «I pesi massimi devono avere un solo campione», ha ripetuto più volte. Un match che, però, sembra essere lontano. Giorni fa, Wilder ha, infatti, avvisato i fan: «Non vi aspettate niente». Come a dire: «Io ci sono, ma Joshua no». E a Roma, a margine dell'incontro con la stampa – dopo la visita ai piccoli del Bambino Gesù e prima dell'incontro con il papa, momenti organizzati dalla Federazione Pugilistica italiana – ha mandato un messaggio inequivocabile a Joshua.

Leggi anche:-> Boxe, il campione del mondo Wilder a Roma: «Questa visita è un sogno». E sfida Joshua: «Smettila di nasconderti»

«Basta aspettare, fissa questa data - ha detto parlando con MessaggeroTv - è passato molto tempo, diamo ai fan quello che vogliono vedere. Smettila di nasconderti dietro a così tante cose, dietro ai numeri, a considerazioni su chi sia il migliore...scopriamo chi è il migliore. Tutte queste cose non importano al fan medio e a chi ama la boxe. L'unica cosa che sanno è che amano vedere bei combattimenti. E io e te faremmo un grande combattimento. E allora andiamo, una volta per tutti: un campione, un volto, un nome». Il tutto seguito dal suo ormai celebre urlo: “Bomb squad”, che è diventato il grido di battaglia.
 
 


Leggi l'articolo qui

(intervista di Marco Pasqua video di Paolo Pirrocco/Ag.Toiati)

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi